chi ti ha fatto male?

Ieri a facciamo pace ho raccontato come questo weekend, mentre facevo mediazione famigliare, ho avuto una sensazione costante di dejà vue. Parlavo e parlavo ma le mie parole dovevano combattere con le solite idee che ci hanno inculcato fin da piccoli per poterci manipolare più facilmente. Sia chiaro che non sto giudicando, non credo che questo sia stato fatto di proposito nè con cattiveria, ma vedo gli effetti ogni giorno e i libri che mi hanno insegnato a pensare in un modo diverso mi hanno aiutato molto.

Una delle bugie più importanti è proprio questa: qualcuno ti ha fatto male, anche solo qualcuno può farti male. Questa credenza si insinua nel passaggio dalle sensazioni ai sentimenti. Vi racconto come la vedo io:

Quando ci sentiamo male, giustmente, lo primero che facciamo è chiederci perchè. In funzione della risposta a questa domanda cambieranno i nostri sentimenti e la nostra capacità per risolvere il problema.

  • se crediamo che la causa è esterna, i sentimenti che affioreranno saranno la rabbia, la tristezza e l’impotenza… In questo modo, gli altri sono variabili del problema, che dovrebbero cambiare perchè noi possiamo risolvere. E noi possiamo solo attendere, sperare e spesso disperare.
  • se crediamo che la causa è interna, invece, potremo sentire la serenità, l’assertività e la forza… in questo caso, gli altri sono costanti nel nostro problema e le variabili sono tutte in nostro spotere.

Finchè crederemo che possiamo stare male per quello che fa o ha fatto qualcun’altro non potremo recuperare il controllo della nostra vita. Quando capiamo che quello che ci ferisce non è quello che ci hanno fatto ma il giudizio che noi facciamo di ciò, e che basterebbe cambiare questo per stare meglio… sarebbe da sciocchi non farlo, no?

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, al nostro incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale...