Che Dio ci salvi dai benintenzionati

07 Dec 21

Dicono che Karl Marx diceva che La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni. La settimana scorsa sono usciti su Netflix gli ultimi episodi di La Casa de papel, a storia finita mi sono trovata a rifliettere su tutto quello che è successo, sui personaggi e sui momenti che ho amato e odiato, e questa frase mi tornava in testa costantemente.

In ogni stagione, in ogni gruppo di episodi, c’e sempre stato qualcuno che, senza essere cattivo, con le migliori intenzioni, metteva gli altri nei guai o, se nei guai erano già, peggiorava la situazione. Un po’ come i genitori di cui parla Paolo Borzacchiello nel libro Basta dirlo, difendono, proteggono, condizionano, ignorando le capacità e i desideri, tagliando ali e legando volontà, perchè credono di sapere meglio degli altri come funziona il mondo… peccato che non sia così.

Si sentono forti perchè, puntualmente, se le cose non vanno come loro avevano previsto, trovano qualcuno a cui dare la colpa. Ma, soprattutto, perchè nessuno può dimostrare cosa sarebbe successo, come sarebbero andate le cose se si fossero tenuti le loro buone intenzioni e avessero lasciato che le cose andassero come dovevano.

La maggior parte di noi abbiamo fatto delle cose con le migliori intenzioni, forse sentendoci superiori a qualcuno, che non hanno funzionato. Abbiamo cercato di, e forse anche riuscito a, evitare un disastro per mantenere una situazione più idealizzata che ideale.

La buona notizia è che possiamo smettere di credere che tutto è sopra le nostre spalle, che sarà sempre la nostra decisione a fare la differenza fra la vita e la morte, fra il bene e il male. Perchè a volte bisogna toccare fondo per risalire e, proteggendo qualcuno dal fondo, lo obblighiamo a vivere una vita insoddisfacente.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a capire che le buone intenzioni non hanno mai garanzie, che tendono ad accecarci e farci ignorare o anche dimenticare altri aspetti importanti, che sono una condizione necessaria ma non sufficiente, e ad accompagnarle sempre di tanta aria. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.