capire è sopravalutato

Davanti ad una situazione spiacevole, ad un risultato inatteso, il nostro primo pensiero, normalmente, è qualcosa tipo “non lo capisco, non capisco perchè le cose stanno così, devo capire cosa è successo”.

Ci hanno insegnato a dedicare tutti il tempo e l’energia a cercare di capire, come quell’uomo ferito dalla freccia che morì perchè non volle essere curato prima di capire chi, perchè, e come lo avevano avvellenato.

Capire è importante ma non lo è tutto. Capire vuol dire usare la logica, la razionalità, ma c’è un problema, queste nostre capacità non possono arrivare a tutti gli angoli della realtà e, spesso, con il senno di poi, capiamo cose che, nel momento non avevamo capito, ma solo se andiamo avanti con le nostre vite e non ci ostiniamo a capire a tutti i costi.

La buona notizia è che non è l’unica capacità che abbiamo e che possiamo allenare, abbiamo altre capacità, per esempio, quella di comprendere. Se per capire usiamo la logica e dividiamo i problemi in piccoli pezzi, per comprendere facciamo il contrario, prendiamo il contesto, le emozioni e altri aspetti non solo quelli logici e razionali. Dal momento che queste cose esistono, ignorarle è ignorare una parte della realtà e questo ci rende solo più deboli e incapaci.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere tutto ciò che non capiamo, a non insistere sempre sul bisogno di capire, ad accettare che a volte non è necessario, che ci sono altri modi per conoscere il mondo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.