bisogno di coccole

L‘altro giorno ho scritto al mio fidanzato “giornata pesante, ho bisogno di coccole” e, mentre lo scrivevo mi sono chiesta… ma, quando non ero fidanzata, le coccole, a chi le chiedevo? facile, me le facevo da sola.

È normale avere bisogno di coccole, non è segno di debolezza, nè di inmaturità. Il bisogno di coccole è da essere umani. E lo è di più in un mondo che ci mette a dura prova pretendendo da noi sempre più che siamo forti, sul pezzo, fuori e attenti a doveri e pericoli.

Secondo il dizionario, coccolare è “trattare con gran tenerezza“. Una coccola è una dimostrazione di affetto, di attenzioni. Possiamo anche coccolarci da soli accettandoci per quel che siamo, essendo un po’ meno duri con noi stessi, concedendoci qualcosa di buono.

Il rischio con le coccole è sempre che diventino autodistruttive e che, per concederci qualche capriccio nel presente o nel breve ter-mine, potremmo giocarci il futuro o il lungo termine.

Perciò bisogna capire bene che tipo di coccole vogliamo darci, che tipo di concessioni vogliamo fare. Se come coccola scelgo un dolce, una giornata senza lavorare o una gita fuori porta, dovrò sempre fare attenzione a quante volte lo faccio per non perdere la linea, il lavoro o troppi soldi.

Se, invece, la coccola è una tisana calda e una coperta, dire di no ad una proposta che non ci ispira, prenderci del tempo per noi, ecc. posso farlo ogni volta che voglio.

Una coccola non è un regalo, non è un grande sforzo, nemmeno per forza un sacrificio, è qualcosa che dimostra a chi la riceve che è importante per chi la fa. E ci sono tante cose che possiamo fare, quasi senza accorgerci e fanno sorridere entrambi. Diffondono la gioia di essere vivi.

Che ne dite? Proviamo a coccolarci di più, noi stessi e agli altri?!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.