bisogno di coccole

L‘altro giorno ho scritto al mio fidanzato “giornata pesante, ho bisogno di coccole” e, mentre lo scrivevo mi sono chiesta… ma, quando non ero fidanzata, le coccole, a chi le chiedevo? facile, me le facevo da sola.

È normale avere bisogno di coccole, non è segno di debolezza, nè di inmaturità. Il bisogno di coccole è da essere umani. E lo è di più in un mondo che ci mette a dura prova pretendendo da noi sempre più che siamo forti, sul pezzo, fuori e attenti a doveri e pericoli.

Secondo il dizionario, coccolare è “trattare con gran tenerezza“. Una coccola è una dimostrazione di affetto, di attenzioni. Possiamo anche coccolarci da soli accettandoci per quel che siamo, essendo un po’ meno duri con noi stessi, concedendoci qualcosa di buono.

Il rischio con le coccole è sempre che diventino autodistruttive e che, per concederci qualche capriccio nel presente o nel breve ter-mine, potremmo giocarci il futuro o il lungo termine.

Perciò bisogna capire bene che tipo di coccole vogliamo darci, che tipo di concessioni vogliamo fare. Se come coccola scelgo un dolce, una giornata senza lavorare o una gita fuori porta, dovrò sempre fare attenzione a quante volte lo faccio per non perdere la linea, il lavoro o troppi soldi.

Se, invece, la coccola è una tisana calda e una coperta, dire di no ad una proposta che non ci ispira, prenderci del tempo per noi, ecc. posso farlo ogni volta che voglio.

Una coccola non è un regalo, non è un grande sforzo, nemmeno per forza un sacrificio, è qualcosa che dimostra a chi la riceve che è importante per chi la fa. E ci sono tante cose che possiamo fare, quasi senza accorgerci e fanno sorridere entrambi. Diffondono la gioia di essere vivi.

Che ne dite? Proviamo a coccolarci di più, noi stessi e agli altri?!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.