balliamo?

Dicono che una volta c’era una anziana molto saggia e molto dolce che abitava in una casetta vicino al mare. La sua casa non era molto grande e non un lavoro molto importante ma, chiunque avesse bisogno poteva bussare alla sua porta per chiederle un consiglio.

In una città vicina abitava una signora molto ricca, con un lavoro importante e una famiglia potente. Tutti dicevano che aveva tutto ma lei sentiva sempre che le mancava ancora qualcosa. Qualcuno le parlò dell’anziana e decise di andare a trovarla.

La donna arrivò dall’anziana e le spiegò il suo problema. Le disse che non riusciva a comprendere cosa le mancava perchè aveva tutto quello che il denaro può comprare, anche l’amore della sua famiglia e le soddisfazioni del lavoro. Mentre parlava si sentiva in colpa pensando alle persone che non avevano quanto lei.

Dopo un po’ si misse a piangere e l’anziana la abbracciò fino a quando il suo coure tornò alla normalità. Poi le chiese, con una voce dolce e soave: quando è stata l’ultima volta che hai ballato?

La donna lasciò uscire un sorriso e poi ricordò che da bambina andava a lezione di danza classica ma aveva smesso perchè non era abbastanza aggraziata. Allora l’anziana misse un po’ di musica e le disse “balliamo”.

Ti ho detto che non sono capace, disse la donna passando dalla tristezza alla rabbia. Ma l’anziana non l’ascoltò. La prese per mano con grande tenerezza e la donna si disse, che male può fare, si lasciò portare dalla musica, e le due donne ballarono come bambine.

Dopo un po’, ballando, si rese conto di cosa le era mancato tutto quel tempo e promisse all’anziana che non l’avrebbe più perso di vista, mai più.

L’anziana, senza smettere di ballare rispose, e se lo perdi di vista, puoi sempre tornare qui da me.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.