la colpa e Babbo Natale

20 Oct 20

L‘altro giorno stavo parlando con una amica dei demoni della colpa, della dualità e delle ripetizioni, siamo arrivati ad una idea che per me é originale, il concetto di colpa è solo un’idea, un ‘invenzione, un po’ come Babbo Natale.

Il fatto è che siamo stati educati nella dualità, crediamo che se in una famiglia abbiamo due sorelle, una che si prende la colpa di tutto e l’altra che dà la colpa di tutto agli altri, hanno problemi diversi, quando in realtà hanno lo stesso problema, questo concetto astratto: la colpa.

Come Babbo Natale, la colpa è uno strumento che usano “i grandi” per convincere i piccoli a fare i bravi. Ma, crescendo, la maggior parte di noi capisce che Babbo Natale non esiste. Anzi, impara ad usarla per convincere i nuovi piccoli. Per quanto riguarda la colpa, per molti, non se ne esce mai perchè pochi hanno il coraggio di rinunciare al potere che comporta.

Probabilmente è iniziato così, nella famiglia tempo addietro, qualcuno è stato convinto da qualcun’altro, più grande e/o più forte di lui, di essere colpevole di un qualche male, di un qualche errore. Da allora, ha agito da colpevole, potrebbe aver commesso altri errori, o potrebbe essersi preso le colpe degli altri, per salvarli. O potrebbe  aver scaricato la colpa su qualcun’altro.

In ogni caso ha vissuto in un mondo di colpevole e innocenti (o come dicono gli inglesi “non colpevoli”.  Un mondo fatato come quello di Babbo Natale, ugualmente irreale e perciò in cui si è condannati a ripetere e a mai poter cambiare.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a smettere di parlare di colpa, a smettere di cercare colpevoli, a concentrare le nostre energie e il nostro tempo per ricercare le responsabilità, lavorare per quelle che ci possiamo prendere e smettere di perdere tempo con quelle che non ci corrispondono.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.