attacco e difesa

29 Sep 20

Di tutte le cose diverse dal solito che ho imparato da quando sono life coach, la cosa che più solleva obiezioni è il fatto che, secondo me, quando una persona dimostra la sua forza lo fa perchè si sente debole, e viceversa.

 Soprattutto dalle persone che si sono sentite ferite od offese dalle suddette dimostrazioni di forza. Il problema è che, la tendenza che la nostra cultura impone è la difesa, il controattacco, anche se questo peggiora la situazione il più delle volte. Proprio perchè va contro le regole dell’universo.

Per come la vedo io, funziona così: quando qualcuno fa qualche tipo di dimostrazione di forza, qualcosa di sbagliato, che può ofendere o ferire qualcun altro, anche se può sembrare che tutto inizi lì, e che sia una sua iniziativa, in realtà è una reazione, a una ofesa o a una ferita precedente.

Una reazione a qualcosa che li ha fatti sentire deboli o in pericolo, anche se quella situazione era con altre persone, in un’altro momento molto lontano.

 È la solita storia del bambino che bullizza i suoi compagni più piccoli perchè a casa viene picchiato e fatto sentire una nullità da genitori o fratelli più grandi. L’uomo che sfoga con moglie e figli una rabbia che si è originata in ufficio e che non può dimostrare con capo e colleghi perchè lì è debole.

In ognuno di quei casi, se vediamo la situazione solo nel momento in cui si produce il malfatto, vediamo subito un colpevole e la forza che ci mette nella sua azione.

Il mio invito possitivo di oggi è a fermarci un attimo a riflettere prima di difenderci, di rispondere agli attacchi e alle ofese. Anche se all’inizio è difficile farlo prima, ricordate che farlo dopo è come farlo prima della prossima volta.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.