Aspettando i soccorsi

17 Jan 22

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Con la loro esperienza capirono subito che il grosso problema sarebbe stato l’ossigeno. Se tutto andava bene rimanevano loro tre ore d’aria, tre ore e mezza al massimo.

Molta gente fuori sapeva che erano intrappolati lì, ma un crollo come quello significava perforare di nuovo la miniera per riuscire a salvarli. Il dubbio era se avrebbero avuto tempo a sufficienza?

All’interno gli esperti minatori decisero di risparmiare più ossigeno possibile. Si misero d’accordo per consumare quanto meno potevano, spensero le lampade che avevano portato e si distesero a terra in silenzio. Ammutoliti per la situazione e immobili nell’oscurità era difficile calcolare il passare del tempo. Per caso solo uno di loro aveva l’orologio. Tutti gli domandavano: «Quanto tempo è passato?», «Quanto manca?», «E adesso?».

Il tempo si allungava, ogni due minuti sembrava fosse passata un’ora, e la disperazione di fronte a ogni risposta pesava anche più della tensione. Il capo dei minatori capì che continuando così, l’ansia li avrebbe fatti respirare più rapidamente e che questo li poteva uccidere. Quindi diede ordine che soltanto quello che aveva l’orologio controllasse il passare del tempo. Nessuno doveva fare
altre domande, lui avrebbe avvisato tutti ogni mezz’ora.

Eseguendo l’ordine, l’uomo che controllava l’orologio, trascorsa la prima mezz’ora, disse: «È passata mezz’ora». Ci fu un mormorio fra loro e l’angoscia si sentiva nell’aria. L’uomo dell’orologio si rese conto che sarebbe diventato sempre più difficile comunicare loro che si avvicinava la fine. Senza consultare nessuno stabilì che non si meritavano di morire soffrendo. Così la volta successiva quando comunicò che era passata mezz’ora, in realtà erano trascorsi quarantacinque minuti.

Non c’era modo di notare la differenza, cosicché nessuno sospettò nulla. Visto il successo dell’inganno, diede la terza informazione quasi un’ora dopo. Gli altri cinque credettero che fosse trascorsa, in totale, un’ora e mezza, e tutti pensarono che il tempo trascorreva davvero molto lentamente.

L’uomo con l’orologio continuò così e ogni ora comunicava che era passata mezz’ora. La squadra incaricata di liberarli sapeva dov’erano intrappolati e che sarebbe stato difficile riuscire a raggiungere il posto prima di quattro ore.
Arrivarono dopo quattro ore e mezzo. La cosa più probabile era trovare i sei minatori morti. Ne trovarono vivi cinque. Solo uno era morto asfissiato: quello che aveva l’orologio.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.