Aspettando i soccorsi

17 Jan 22

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Con la loro esperienza capirono subito che il grosso problema sarebbe stato l’ossigeno. Se tutto andava bene rimanevano loro tre ore d’aria, tre ore e mezza al massimo.

Molta gente fuori sapeva che erano intrappolati lì, ma un crollo come quello significava perforare di nuovo la miniera per riuscire a salvarli. Il dubbio era se avrebbero avuto tempo a sufficienza?

All’interno gli esperti minatori decisero di risparmiare più ossigeno possibile. Si misero d’accordo per consumare quanto meno potevano, spensero le lampade che avevano portato e si distesero a terra in silenzio. Ammutoliti per la situazione e immobili nell’oscurità era difficile calcolare il passare del tempo. Per caso solo uno di loro aveva l’orologio. Tutti gli domandavano: «Quanto tempo è passato?», «Quanto manca?», «E adesso?».

Il tempo si allungava, ogni due minuti sembrava fosse passata un’ora, e la disperazione di fronte a ogni risposta pesava anche più della tensione. Il capo dei minatori capì che continuando così, l’ansia li avrebbe fatti respirare più rapidamente e che questo li poteva uccidere. Quindi diede ordine che soltanto quello che aveva l’orologio controllasse il passare del tempo. Nessuno doveva fare
altre domande, lui avrebbe avvisato tutti ogni mezz’ora.

Eseguendo l’ordine, l’uomo che controllava l’orologio, trascorsa la prima mezz’ora, disse: «È passata mezz’ora». Ci fu un mormorio fra loro e l’angoscia si sentiva nell’aria. L’uomo dell’orologio si rese conto che sarebbe diventato sempre più difficile comunicare loro che si avvicinava la fine. Senza consultare nessuno stabilì che non si meritavano di morire soffrendo. Così la volta successiva quando comunicò che era passata mezz’ora, in realtà erano trascorsi quarantacinque minuti.

Non c’era modo di notare la differenza, cosicché nessuno sospettò nulla. Visto il successo dell’inganno, diede la terza informazione quasi un’ora dopo. Gli altri cinque credettero che fosse trascorsa, in totale, un’ora e mezza, e tutti pensarono che il tempo trascorreva davvero molto lentamente.

L’uomo con l’orologio continuò così e ogni ora comunicava che era passata mezz’ora. La squadra incaricata di liberarli sapeva dov’erano intrappolati e che sarebbe stato difficile riuscire a raggiungere il posto prima di quattro ore.
Arrivarono dopo quattro ore e mezzo. La cosa più probabile era trovare i sei minatori morti. Ne trovarono vivi cinque. Solo uno era morto asfissiato: quello che aveva l’orologio.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.