arrivederci professore (2018)

20 May 21

Questa settimana ho visto un film di Johnny Depp,che non avevo visto nel momento in qui era usciti, Arrivederci professore, e voglio parlarvi anche se molte delle critiche che ho letto erano negative perchè a me è piacciuto molto. Racconta la storia di un professore di lettere che scopre di avere un tumore e di come questo incide nella sua vita.

Un uomo normale, professore, sposato, con una figlia grande. Con una vita piena di impegni e di rinuncie per adeguarsi al mondo, fino a quando riceve la notizia, ha un tumore e una prospettiva di vita di sei mesi.

Ve ne parlo perchè mi è sembrato molto realistico, il susseguirsi di tutte le emozioni e desideri che accompagna la notizia di essere alla fine, la disperazione, la libertà, il dolore, il desiderio di solitudine e di verità in un mondo di apparenze.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.