arrivederci professore (2018)

Questa settimana ho visto un film di Johnny Depp,che non avevo visto nel momento in qui era usciti, Arrivederci professore, e voglio parlarvi anche se molte delle critiche che ho letto erano negative perchè a me è piacciuto molto. Racconta la storia di un professore di lettere che scopre di avere un tumore e di come questo incide nella sua vita.

Un uomo normale, professore, sposato, con una figlia grande. Con una vita piena di impegni e di rinuncie per adeguarsi al mondo, fino a quando riceve la notizia, ha un tumore e una prospettiva di vita di sei mesi.

Ve ne parlo perchè mi è sembrato molto realistico, il susseguirsi di tutte le emozioni e desideri che accompagna la notizia di essere alla fine, la disperazione, la libertà, il dolore, il desiderio di solitudine e di verità in un mondo di apparenze.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, a me è piaciuto veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Il drago dei desideri (2021)

Il drago dei desideri (2021)

Anche questa settimana mi sono guardata una commedia americana, I care a lot, una storia di truffatori, una truffa agli anziani molto più soffisticata del solito, che funziona fino a quando si scontra con qualcuno più forte e più cattivo.

l’erba blu…

l’erba blu…

Dicono che c’era una volta un uomo rimasto vedovo che si trovò da solo a prendersi cura delle sue due figlie, due bambine molto intelligenti e assai curiose, tanto che prima di fare qualsiasi cosa, ponevano mille domande al padre, spesso sembrava si divertissero a metterlo in difficoltà.

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Siccome in questo periodo sto lavorando molto sulla genitorialità, mi sono letta Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita,  di Giorgio Nardone. Un bellissimo libro sulla terapia indiretta, in cui i genitori assumono il ruolo decisivo di “coterapeuti” e diventano gli “specialisti” più vicini a cui i figli possono affidarsi.