armi di distrazione di massa

Negli incontri con i ragazzi del progetto degli eroi abbiamo parlato delle armi di distrazione di massa, e del loro bisogno di distrazioni, di divertimenti, di cosa nasconde e cosa comporta, ma soprattutto di quanto ci conviene lasciare che questi “bisogni” controllino la nostra vita e le nostre scelte.

Viviamo in un momento storico in cui le possibilità che potremmo avere sono più che mai ma, allo stesso tempo, sentiamo di dover scegliere tra poche opzioni molto limitate. Mai ci sono state così tante persone che odiavano il lunedì, che aspettavano con ansia il weekend o le vacanze, che odiavano tanto le loro vite e credevano così ciecamente di non poter cambiarle.

Senza bisogno di essere complottisti, si può vedere che il nostro “mondo” ci offre tanti stimoli che è facile perdersi. E, dal momento che le nostre vite sono sempre più virtuali, non abbiamo le radici che possano mantenerci saldi al suolo e veniamo portati dalla corrente.

Anche se il concetto di armi di distrazione di massa nasce dall’uso manipolatorio delle informazioni da parte di alcune grandi istituzioni ed entità, con la proliferazione dei social network la capilarità della diffusione di questi messaggi si è moltiplicata ulteriormente.

La maggior parte delle persone passa sempre più tempo a seguire ordini, stimoli e “doveri” e non ha tempo di capire cosa vuole o cosa sta facendo. Per non parlare di goderselo. Capita anche a voi?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

perchè sono così povero?

perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese: