armi di distrazione di massa

Negli incontri con i ragazzi del progetto degli eroi abbiamo parlato delle armi di distrazione di massa, e del loro bisogno di distrazioni, di divertimenti, di cosa nasconde e cosa comporta, ma soprattutto di quanto ci conviene lasciare che questi “bisogni” controllino la nostra vita e le nostre scelte.

Viviamo in un momento storico in cui le possibilità che potremmo avere sono più che mai ma, allo stesso tempo, sentiamo di dover scegliere tra poche opzioni molto limitate. Mai ci sono state così tante persone che odiavano il lunedì, che aspettavano con ansia il weekend o le vacanze, che odiavano tanto le loro vite e credevano così ciecamente di non poter cambiarle.

Senza bisogno di essere complottisti, si può vedere che il nostro “mondo” ci offre tanti stimoli che è facile perdersi. E, dal momento che le nostre vite sono sempre più virtuali, non abbiamo le radici che possano mantenerci saldi al suolo e veniamo portati dalla corrente.

Anche se il concetto di armi di distrazione di massa nasce dall’uso manipolatorio delle informazioni da parte di alcune grandi istituzioni ed entità, con la proliferazione dei social network la capilarità della diffusione di questi messaggi si è moltiplicata ulteriormente.

La maggior parte delle persone passa sempre più tempo a seguire ordini, stimoli e “doveri” e non ha tempo di capire cosa vuole o cosa sta facendo. Per non parlare di goderselo. Capita anche a voi?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

il demone della rabbia

il demone della rabbia

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.