amore, in che senso?

Spesso mi capita di sentire delle persone che dicono che l’amore per gli animali o “ricevuto” dagli animali è meglio di quello delle persone. Dicono che i cani siano più fedeli, che ci amino incondizionatamente e che sia meglio avere affianco un cane che un uomo.

Quando è così mi viene da chiedermi cosa voglia dire amore per quelle persone, e se l’amore incondizionato degli animali sia vero amore. Io ho un cane, che passa molto tempo con me, mi aspetta quando esco e mi fa un sacco di feste quando torno. Che vuole sempre starmi vicino, piange quando mi allontano e ubbidisce quasi sempre.

Molti, quando vedono questi gesti, dicono che mi vuole tanto bene. A volte le mie figlie sono gelose perchè dicono che a me vuole più bene di quanto voglia loro e questo le rattrista. Ma io non lo chiamerei amore, per me è solo dipendenza, sa che dipende da me per bere e per mangiare, per uscire a fare i suoi bisogni…

Si dice sempre che il cane sia il miglior amico dell’uomo, ma… non sono convinta nemmeno di questo. Come può amare o essere amico un essere non consapevole e che non può pensare o parlare? Per me l’amore e l’amicizia sono un’altra cosa. E devono essere condivise, fra pari.

Il cane è fedele, non si offende, non litiga e non discute, ma è questo che vogliamo veramente in un amico o in un nostro amante? Vogliamo qualcuno che ci ubbidisca e ci guardi in silenzio? qualcuno che non possa ricambiare carezze, baci, parole… e con cui non possiamo scambiare pensieri…

Io personalmente preferisco le persone, con le loro parole, con le loro problematiche, anche quando prima dicono una cosa e poi fanno un’altra, anche quando dicono o fanno qualcosa che mi ferisce. Perchè per me l’amore e l’amicizia sono fatte di parole e di gesti, ma prima di tutto di comunicazione e quella con un cane non è abbastanza.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Ricominciare da se (2017)

Ricominciare da se (2017)

Visto che nelle ultime settimane abbiamo parlato molto più del solito di autoanalisi e reinvenzione, oggi vorrei tornare a Osho, per parlarvi di Ricominciare da Sé, una guida per un viaggio di conoscenza profonda di noi stessi e delle chiavi della beatitudine.

Focus (2015)

Focus (2015)

E anche oggi voglio parlarvi di un film visto su Netflix, con Will Smith, Focus – Niente è come sembra, di nuovo un film su truffatori per rimanere attenti alle manipolazioni di cui siamo costantemente vittime inconsapevoli.

riempire la vita

riempire la vita

Ci sono persone che passano tutta la loro vita ad aspettare un momento migliore, altri a lavorare sodo per ottenere qualcosa e altre perdono tempo a lamentarsi e a indignarsi. Molti vivono per inerzia e pochi si accorgono di poter scegliere.