amore, in che senso?

Spesso mi capita di sentire delle persone che dicono che l’amore per gli animali o “ricevuto” dagli animali è meglio di quello delle persone. Dicono che i cani siano più fedeli, che ci amino incondizionatamente e che sia meglio avere affianco un cane che un uomo.

Quando è così mi viene da chiedermi cosa voglia dire amore per quelle persone, e se l’amore incondizionato degli animali sia vero amore. Io ho un cane, che passa molto tempo con me, mi aspetta quando esco e mi fa un sacco di feste quando torno. Che vuole sempre starmi vicino, piange quando mi allontano e ubbidisce quasi sempre.

Molti, quando vedono questi gesti, dicono che mi vuole tanto bene. A volte le mie figlie sono gelose perchè dicono che a me vuole più bene di quanto voglia loro e questo le rattrista. Ma io non lo chiamerei amore, per me è solo dipendenza, sa che dipende da me per bere e per mangiare, per uscire a fare i suoi bisogni…

Si dice sempre che il cane sia il miglior amico dell’uomo, ma… non sono convinta nemmeno di questo. Come può amare o essere amico un essere non consapevole e che non può pensare o parlare? Per me l’amore e l’amicizia sono un’altra cosa. E devono essere condivise, fra pari.

Il cane è fedele, non si offende, non litiga e non discute, ma è questo che vogliamo veramente in un amico o in un nostro amante? Vogliamo qualcuno che ci ubbidisca e ci guardi in silenzio? qualcuno che non possa ricambiare carezze, baci, parole… e con cui non possiamo scambiare pensieri…

Io personalmente preferisco le persone, con le loro parole, con le loro problematiche, anche quando prima dicono una cosa e poi fanno un’altra, anche quando dicono o fanno qualcosa che mi ferisce. Perchè per me l’amore e l’amicizia sono fatte di parole e di gesti, ma prima di tutto di comunicazione e quella con un cane non è abbastanza.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

il demone della rabbia

il demone della rabbia

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.