allenamento inconsapevole

Quando parliamo di coaching parliamo di allenamento. Quando parliamo di allenamento le persone sembra che si stanchino sono a sentire la parola. Come se l’allenamento fosse una cosa brutta, come se potessimo evitarlo.

Lo capisco, perchè anche io sono una persona a cui le parole sport o palestra fanno venire male ai muscoli e voglia di sedermi. Ma, nell’ambito del coaching dobbiamo parlare di un aspetto un po’ diverso.

Potremmo dire che quando andiamo in palestra alleniamo i nostri muscoli a muoversi in un certo modo e che quando non andiamo li alleniamo a stare fermi. Ma li stiamo sempre allenando.

L’effetto dell’allenamento è che “rifare” la stessa cosa è sempre più semplice e sempre più “inmediato”. Chi va in palestra fa sempre meno fatica a fare certi movimenti ma… solo quelli legati agli esercizi che ha “praticato”. Un calciatore e un nuotatore allenano muscoli diversi e sono pronti a scattare in situazioni diverse.

Lo stesso vale per qualsiasi tipo di abitudine. Ogni giorno che facciamo le stesse cose, pensiamo le stesse cose o diciamo le stesse cose stiamo allenando il nostro cervello, costruendo o rafforzando le nostre credenze.

Ogni volta che pensiamo di poter fare qualcosa o di non poterla fare, ci stiamo allenando. Ogni volta che diciamo di volere qualcosa o di non poter sopportarla, stiamo facendo un allenamento inconsapevole.

La buona notizia è che possiamo rendere consapevole per cosa ci stiamo allenando e possiamo modificarlo.

Che ne pensate? Siete d’accordo? Volete provare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.