Alla Ricerca di un Significato della Vita (1959)

Oggi parliamo di un libro scritto da Viktor Frankle,  psichiatra e neurologo austriaco, che, dopo quattro anni in quattro campi di concentramento, ha spiegato a molti un messaggio molto profondo: l’uomo è un ricercatore, in qualsiasi circostanza, se solo si riesce a ricordare questo tutto diventa più fluido. Il libro che ho scelto per oggi è Alla Ricerca di un Significato della Vita, un libro di memorie psicologiche e di riflessioni sull’esperienza dell’autore ad Auschwitz, e di come è arrivato alla conclusione che è la ricerca che conduce la vita umana, non il successo o le ricompense.

Racconta come, vivendo nelle condizioni esterne più difficili, come nei campi di concentramento… la mente umana passi diverse fasi e reazioni, e possa anche rimanere bloccata. Parla di come vivevano le persone normali, delle loro paure, del dolore, del freddo, della fame, dell’amicizia. Ogni persona reagisce in modo diverso ma ci sono anche cose in comune.

Ma soprattutto parla di come sono sopravissuti, di cosa li manteneva in vita, con poco cibo, nelle circostanze fisiche più sfavorevoli che possiamo immaginare, ed era la capacità di sognare in qualcosa di meglio. La capacità di immaginare quelle cose terribili come una fase, che prima o poi sarebbe finita. Come qualcosa che, solo dopo che sarebbe finita, avrebbe avuto un senso, che tutto aveva un senso e che l’avrebbero scoperto più avanti

Infatti, parla di come quando tutto che diamo per “normale” o “scontato” sparisce, possiamo vedere oltre, quello che è esenziale. E la maggior parte delle cose esenziali sono dentro di noi.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.