alla ricerca delle coccole perdute (2004)

In questo libro, Giulio Cesare Giacobbe, ci parla di una malattia tanto diffusa quanto socialmente accettata, l’incapacità di prendersi cura di se stessi e la propensione a dipendere dagli altri e a riversare su di loro la causa delle notre gioie e delle nostre paure e problemi.

Ci racconta come si sviluppano in condizioni normali le diverse personalità, iniziando dal bambino bisognoso e dipendente da altri per poter sopravvivere; per poi sviluppare la personalità adulta, capace di ottenere quello di cui ha bisogno per se stesso senza rimorsi e senza rimpianti; e, alla fine, quella genitoriale, capace di amare e prendersi cura di altri.

Ma parla anche di come, per molte persone nella nostra società, questo sviluppo non procede in maniera naturale perchè le paure  impediscono loro di affrontare le difficoltà che potrebbero farli crescere, diventare più capaci, più forti e più indipendenti.

Troviamo tutte le scorciatoie e i modi di evitare i problemi ma questo ha anche dei lati negativi. E senza affrontare e superare quelle difficoltà, questi individui rimangono per sempre bambini, indifesi e frustrati.

E nevrotici, perchè la nevrosi, secondo Giacobbe, è l’incapacità di cambiare personalità quando neccessario e, non avendo sviluppato le altre personalità, non può assolutamente farlo.

Ci sono nevrotici bambini, che cercano ancora chi risolva i loro problemi, nevrotici adulti che non riescono a chiedere o a dare e nevrotici genitori che non riescono a prendere, ad accettare che altri la pensino diversamente, ecc.

L’avete letto? no? Leggetelo e ditemi se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

l’università del traffico

l’università del traffico

La settimana scorsa, in un corso di abbondanza, per la prima volta ho sentito parlare dell’università del traffico, si diceva che era la soluzione migliore per prepararci quando si vuole cambiare la propria vita, soprattutto per il suo prezzo contenuto sia in denaro che in tempo.