Aladin (2019)

Quest’anno, uno dei film che ho aspettato con ansia è stato: Aladin, con  Will Smith nel ruolo di genio. Credo sia una di quelle storie che ogni tanto vanno riviste, raccontate di nuovo, con occhi diversi che noteranno dettagli diversi.

La storia, infatti, è quella. La conosciamo tutti, una delle più belle storie di amore, oltre i confini di classe e oltre alle convenzioni di qualsiasi tipo. Una riflessione senza tempo su tanti argomenti di quelli di cui parliamo in questo blog e nei nostri incontri:

L‘importanza dei consiglieri, delle voci a cui diamo ascolto e fiducia, e come un cattivo consigliere, che sia il visir che vuole prendere il potere, che il papagallo che semplicemente ripete le parole “negative”, può portarci fuori strada. Perchè tutti i consiglieri hanno ragione, solo che raccontano solo una parte della storia.

Il valore dell’amicizia, della fiducia e dell’amore che vengono dal cuore, che non hanno bisogno di parole, che possono combattere la paura che ci fa esagerare con il controllo, con il bisogno di potere e di controllo.

Il valore della sorpresa, del cambiamento interiore ed esteriore, per creare un futuro diverso, contro la rigidità del passato.

L‘importanza dei dettagli, della precisione, soprattutto quando definiamo quel che vorremo perchè, se dovessimo riceverlo, non ci troviamo in una situazione peggiore di quella iniziale.

Comunque, non posso evitarlo, lo ammetto pubblicamente, ogni volta che vedo la scena in cui usa il terzo desiderio io scoppio a piangere… perchè è così raro in atto di generosità che ci sembra impossibile. Ma non lo è. Anche se è solo un racconto, è la dimostrazione che si può fare. Proviamo!?

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Cambio tutto (2020)

Cambio tutto (2020)

Oggi voglio tornare a parlare di una commedia italiana di quelle che amo, Cambio tutto, con Valentina Lodovini, Neri Marcorè, questa volta su amazon prime. Una donna troppo buona per dire quello che pensa, che arriva alla disperazione e cambia tutto dopo un’incontro con un terapeuta carismatico molto particolare.

la gente non cambia

la gente non cambia

Ci sono persone che pensano che la gente cambia e poi ci sono quelli che pensano che la gente non cambia, seguendo il mio adorato maestro Ái, io credo che hanno ragione entrambi. A volte la gente cambia, altre no. Ma quel che è sicuro è che nessuno può cambiare un’altro.

più facile

più facile

L’altro giorno ho portato la mia cagnolina a sterilizzare. Mia figlia voleva farle avere i cuccioli perciò non l’abbiamo fatto prima. Ma abbiamo deciso di farlo ora. È stato uns stimolo esterno che ha aperto la porta al demone della colpa.

con le mani

con le mani

Dicono che c’era una volta una ragazzina che conviveva con un terribile mal di schiena che non si riusciva a curare. Si sentiva come una vecchia e decise di chiedere alla nonna, che aveva problemi simili.

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.