Al di là dei sogni (1998)

13 Sep 18

É da un po’ che non parlo di film di Robin Williams, perciò oggi voglio parlarvi di un’altro film molto vecchio, Al di là dei sogni. Una storia sulla vita e la morte, sull’amore che dura persino dopo la morte, sulla mancanza che rende impossibile andare avanti e sul coraggio che porta a fare qualsiasi cosa per ritrovare l’essere amato.

Una storia di dolore e di disperazione, ma anche di come entrambe le cose si possano superare, per amore. Una storia sugli esseri che amiamo, i figli, gli animali di compagnia, la propria anima gemella. Di come la loro compagnia rende la nostra vita migliore, più luminosa e più bella, a volte arrivando fino a creare una specie di dipendenza.

Ma anche la propria morte, la propria esistenza, e lo spazio che lasciamo in coloro che rimangono in dietro, coloro che abbiamo amato e che hanno amato noi. Che, per come la racconta l’autore, vediamo soffrire senza poter farci niente, perchè in mondi diversi che non possono comunicare come siamo abituati a comunicare. Finchè non ci si ritrova, se lo si desidera così tanto da non arrendersi mai. Perchè, in fondo, non c’è nessuna forza più potente dell’amore.

Una storia sulla morte e quello che c’è dopo, sul paradiso e i suoi colori, sull’inferno e il suo immaginario. Un paradiso personale e dipinto come un sogno, con dei colori meravigliosi e delle pennellate surrealiste e piene di emotività. Una storia sulla strada che si percorre dopo la morte, da dove siamo adesso a dove andremo a finire…

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.

Joan Lui (1985)

Joan Lui (1985)

Oggi voglio parlarvi di un film molto particolare, italiano, vecchio, e molto discusso, criticato da alcuni e ammirato da altri, e che io ho adorato: Joan Lui, Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì, con un Adriano Celentano megalomane e divino.