affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Il ragazzo, spaventato dall’idea di dover passare tutto quel tempo da solo, chiese al maestro,

– Maestro, ma… io sono venuto per imparare, come posso fare se non mi insegnate voi? Cosa dovrei fare da solo?

– Pulisci la tua. Tutti gli angoli, anche quelli che non hai guardi mai, perchè sono troppo nascosti, difficili da raggiungere. Prenditi cura della tua casa togli polvere, ragnatele e impurità, la tua casa è la parte più esterna di te. Se ti prendi cura di lei, ti prendi cura di te stesso.

– Ma, maestro due mesi sono troppi per passarli a pulire. Poi, cosa posso fare?

-Aggiusta quello che si può aggiustare e butta quello di cui non hai più bisogno. Rammenda, ricama, cuci i bordi sfilacciati, avvita i cassetti e butta o regala quello che non ti serve più, con gratitudine per il tempo passato insieme per chiudere il ciclo. Aggiustare e disfarti di cose ti aiuterà a farlo con le tue emozioni e i tuoi pensieri.

– Ma, maestro, e poi? Mi sembra ancora troppo tempo!

– Semina. Semina in vasi, cura le tue piante, parla con loro, dai loro un nome e cura la loro vita, perchè curando piante e animali curi i tuoi desideri e i tuoi ideali.

– Ma, maestro, se arriva il vuoto, se arriva la paura di ammalarmi e di morire?

– Parla con loro, apparecchia anche per loro, ascolta le tue paure, chiedi loro perchè ti fanno visita e che messaggio hanno per te.

– Ma, maestro, non credo di poterlo fare…

– Vedi, il problema non è l’isolamento ma la paura ad affrontare i tuoi draghi, i tuoi demoni, quelli di cui fuggi ogni giorno. Ma, noi non vogliamo demoni in monastero, devi parlare con loro prima e fare pace con tutti quelli che puoi. Vai tranquillo, è più semplice “farlo” che “pensarlo”.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…

Diventa chi sei (2018)

Diventa chi sei (2018)

Oggi vorrei parlare di un libro diverso, dopo le vacanze si torna al lavoro e molti si chiedono se il loro lavoro sia il migliore per loro o se dovrebbero cambiare. Emilie Wapnick nel suo libro Diventa chi sei, Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi, ci parla di come rispondere a questa domanda.