I Dei del nostro vocabolario

Come abbiamo accennato la settimana scorsa, quest’anno, nei nostri soliti incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, faremo un ripasso di tutto quello di cui abbiamo parlato in questi anni per creare questo nostro vocabolario possitivo, e chiederemo aiuto ai tre DEI che sanno di più sulle parole, il dizionario, l’etimologia e l’interpretazione.

Si dice che un italiano medio fa uso di una porzione davvero minuscola del già ristretto vocabolario di base costituito da 6.500 parole: ovvero quello che viene tecnicamente chiamato lessico fondamentale, composto da sole 2.000 parole. Quello che non si dice è quanto questo di renda piccoli, deboli e anche impotenti in molte situazioni, giacchè le parole che usiamo per raccontare la nostra vita la definiscono.

E, soprattutto, che questo tendenza è sempre più forte, in un circolo vizioso che ci rende sempre più vulnerabili e senza risorse. Perciò abbiamo deciso di riprenderci le parole, i nostri strumenti, le nostre armi, per costruire ina vita migliore con l’aiuto dei tre dei delle parole:

Il Dio del dizionario ci da una o più definizioni, ci da sia le definizioni che si usano di più, che quelle che non si usano quasi mai, quelle che si usavano un tempo e che abbiamo perso, ma possiamo sempre recuperare.

Il Dio dell’etimologia ci parla dell’origine delle parole, dei simboli e le metafore che si nascondono dietro e che, in qualche modo possono ancora avere degli effetti su di noi, in maniera del tutto inconsapevole.

E il Dio dell’interpretazione che ci parla della nostra storia, della nostra vita, della nostra famiglia, perchè molte parole hanno un significato personale per alcuni, e conoscerlo ci libererà del loro potere su di noi.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per imparare a usare le parole nel modo migliore. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.