il mio migliore amico

Dicono che c’era una volta un professore di filosofia, di un liceo di periferia, molto amato dai suoi studenti per i suoi esempi e le sue storie, che un giorno li incontrò, dopo l’intervallo, che parlavano di amicizia e dicevano che la loro amicizia sarebbe durata per sempre.

– Il vostro è un bellissimo pensiero – disse il maestro – a proposito di amicizia, vorrei raccontarvi la storia di due amici. Pietro e Paolo erano come fratelli, sempre insieme, da quando erano piccoli, facevano tutto insieme e ognuno diceva sempre dell’altro che era il suo migliore amico. Alle elementari facevano dei pigiama party un weekend si e uno no, alle medie studiavano insieme ed erano andati a vivere nella stessa residenza per studenti, all’università.

Avevano molti interessi in comune, si volevano tanto bene, ed erano convinti che la loro amicizia sarebbe durata per sempre, fino a quando una sera, Pietro ebbe un incidente tornando alla residenza con la bici a mezzanotte e chiamò Paolo perchè venisse ad aiutarlo. L’amico si svegliò, si alzò e arrivò il prima che potè per aiutarlo, ma la loro amicizia non fu più la stessa. Maria, una compagna di classe che era amica di entrambi, molto triste per il loro distanziamento, chiese ai due ragazzi cosa era successo. Le risposte la sorpresero tanto.

Pietro disse che quella sera aveva capito che quello che credeva il suo migliore amico non lo era mai stato, che per lui un vero amico è qualcuno che, se hai un problema, lo puoi chiamare a qualsiasi ora. Che lui era così, e solo quella notte aveva capito che Paolo non lo era. Era arrivato e l’aveva aiutato, ma era molto scocciato e scorbutico

Paolo, invece, disse che per lui un amico era qualcuno che non ti avrebbe mai disturbato a mezza notte, e che, quella notte, quando Pietro lo aveva chiamato, aveva  mostratrato una grande mancanza di rispetto nei suoi confronti. Disse che non l’avrebbe mai perdonato.

 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.