10 sigarette

Dicono che c’era una volta un professore di medicina, molto amato dai suoi allievi per la sua umanità, che insegnò loro l’importanza dell’ascolto in un modo che rimase per sempre impresso nelle loro giovani menti e nei loro cuori.

— Un giorno arrivò un uomo di mezza età con sintomi di un severo tabagismo, difficoltà respiratorie, nausea, e dei terribili mal di testa. Abbiamo fatto le radiografie e i polmoni erano in uno stato disastroso, si vedeva che fumava più di due pacchetti di sigarette al giorno. Voi, cosa avreste fatto?

— Gli avrei detto di smettere di fumare, o almeno di ridurre la quantità di sigarette drasticamente, massimo una decina al giorno — dissero alcuni, mentre la maggioranza ascoltava distrattamente.

— Infatti, gli dissi di fumare dieci sigarette al giorno e di tornare dopo qualche mese per vedere com’era andata. E lui ubbidì, perchè era molto preoccupato. Ma tornò prima del tempo previsto, perchè i sintomi si erano aggravati sensibilmente. Quando gli chiesi com’era andata con le dieci sigarette non potete immaginare la sua risposta — fece una pausa per aspettare di avere l’attenzione di tutti — Mi disse che era stato difficile all’inizio, non avendo mai fumato, ma poi si era abituato.

Tra gli studenti ci fu un po ‘di agitazione, ma il professore non aspetò che si calmassero e continuò.

— Avevo dato per scontato che fumasse, e invece era stato il lavoro in fabbrica a inquinare in quel modo i suoi polmoni. Dovete cambiare lavoro ma non è più riuscito a smettere di fumare. Perciò ricordate, dovete sempre ascoltare e fare mille domande, forse i pazienti mentono, come dice il vostro Dr. House, ma bisogna imparare ad ascoltare, ignorare le loro informazioni è peggio.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.