10.000 ore

Domenica parlavamo di reinventarsi, di inseguire i propri sogni, di crearsi una vita nuova e di “vendersi” in nuovi mercati. Parlavamo di quanto è difficile misurarsi con chi in questi mercati lavora ma soprattutto con l’ideale che abbiamo in testa.

E mi è venuta in mente la storia delle 10.000 ore. Dicono che chiunque faccia per 10.00 ore un’attività diventa esperto, diventa maestro nella suddetta attività e ottiene dei risultati importanti. La dedicazione e la pratica fanno miracoli. Abbiamo calcolato quanto tempo sarebbero 10.000 ore,  in giorni, in mesi, in anni. Con una dedicazione assoluta, tipo 8 ore al giorno, tutti i giorni potrebbero essere quattro anni, 8 con 4 ore al giorno, 20 con meno di 2 ore al giorno, o con più ore meno giorni a settimana

Un esempio cinematografico molto visuale è la scena di una spia e mezzo in cui The Rock spiega com’è diventato tutto muscolo partendo dal ragazzino cicciotto che era alle medie. Dice  “non ho fatto un granchè, mi sono allenato 6 ore al giorni per gli ultimi 20 anni. Chiunque può farlo.”

 

In 10.000 ore non possiamo non diventare esperti. Come diceva Bohr, esperto è chi ha incontrato tutti i problemi possibili in un certo campo, in una certa materia, in 10.000 ore hai tempo di incontrare problemi, di incontrare soluzioni, di inventare soluzioni… ed è così che sono diventati esperti gli esperti. In 10.000 ore si può studiare, fare, rifare… avete mai provato?

C’è qualcosa a cui avete dedicato 10.000 ore?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.