zitti tutti

Venerdí scorso le mie figlie hanno partecipato, con i compagni di classe, all’ennessima manifestazione di giovani per il clima. Questo movimento che segue, tra altre, la figura di Greta di cui abbiamo già parlato, per le polemiche che aveva scatenato.

Questa volta no solo ho letto e sentito le peggio cose sulla ragazza e i suoi “sostenitori” ma anche su tutti questi ragazzi che stanno manifestando per chidere agli adulti un cambiamento.

L’ultima che ho visto su facebook è stata una presunta lettera di un padre ad un figlio adolescente che lo accusa di essere lui il responsabile di questi problemi, e lo minaccia di lasciarlo senza tutte le comodità che oggi ha e che hanno degli effetti sull’ambiente. Come se tutto il problema l’avessero causato questi ragazzini.

Già il fatto che il genitore dica al figlio che è lui o lei la causa del problema mi fa pensare… a casa mia la responsabilità di cosa hanno o meno le mie figlie, dal momento che sono minorenni, è ancora mia. Sono io che decido e lo faccio in modo di educarle ai valori in cui credo.

 Ma soprattutto, mi ha fatto riflettere su questa “moda” di sparare alla croce rossa, a chiunque alzi la voce per dire che c’è un problema, di criticare tutti in maniera superficiale e distruttiva, in una maniera che rende impossibile qualsiasi discussione produttiva e costruttiva.

Molti smettono di fare notare le cose, e quasi finiscono per non notarle nemmeno. Io, invece, preferisco prendermi la mia parte di responsabilità, iniziare per cercare di migliorare la mia parte e poi insieme agli altri trovare il modo di cambiare quelle comuni.

Vi va di provare anche voi?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.