volere e desiderare

Dopo il weekend con Igor Sibaldi, a parlare degli effetti che hanno su di noi le parole che usiamo, di etimologia, di connotazioni, di concetti transnazionali, e persino di come riscrivere il proprio passato e il proprio futuro… voglio condividere con voi una riflessione sul desiderio e la voglia.

 Chiaramente, vi racconto la mia versione, con parole mie, quello che io ho capito di quello che lui ha detto e che ho elaborato per poterlo condividere.

  • quando vogliamo qualcosa, è come se scegliessimo tra possibilità a nostra disposizione, come se andassimo ad un supermercato a chiedere le uova, il vino, la pasta, cose che sappiamo che possiamo trovare lì;
  • invece, quando desideriamo qualcosa, stiamo inventando qualcosa fuori dagli schemi, oltre la solita offerta, qualcosa che solo noi possiamo immaginare, ad un livello molto più alto, molto più libero.

Potremmo dire che, vivendo in un momento storico in cui la nostra civilizzazione ci vuole sempre più piccoli, più pigri e più ancorati ad una zona di comfort… ci insegna a non desiderare, a non osare, a non cambiare… e ci allena per volere tutto quello che possiamo, volere sempre più cose, tante da non poter fare chiarezza nemmeno a questo livello.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

dobbiamo parlare

dobbiamo parlare

Spesso parliamo dell’importanza del parlare e delle parole, delle parole che usiamo e dell’uso che ne facciamo, delle connotazioni che possono avere nella testa di chi parla e di chi sente, oggi voglio fare un invito e una difesa del “dobbiamo parlare”.

mio marito non mi ama più

mio marito non mi ama più

Dicono che molti anni fa c’era un prete che sapeva tutto sulle relazioni e sull’animo umano. Sapeva consigliare agli uomini, alle donne, ai genitori, ai figli, con la stessa facilità e serenità. Diceva che per lui non c’erano differenze, erano tutte persone.

La Padronanza del Sé (2016)

La Padronanza del Sé (2016)

Eanche oggi vorrei parlare dei toltechi, questa volta con Don Miguel Ruiz Jr., solo il figlio, e voglio parlarvi di La Padronanza del Sé, un riassunto degli insegnamenti toltechi inseriti in un percorso di sviluppo per diventare maestri.