vivere al limite

Ci sono persone che dicono di vivere al limite perchè vivono al di là di quello che fanno gli altri, di quello che si aspetta da loro, di quello che sono le convenzioni. Secondo me, in realtà, tutti viviamo al limite. Quelle persone soltanto lo pongono in una posizione diversa, ma tutti viviamo al nostro limite.

Facciamo del nostro meglio, facciamo quel che possiamo, con le risorse che abbiamo e nel limite delle nostre credenze. Diverse risorse, diverse credenze, diversi limiti. Per ogni persona e per ogni aspetto i limiti sono diversi. Quello che per alcuni si trova entro il proprio limite per altri è ben oltre lo stesso. Quello che per alcuni è facile e semplice per altri è difficile e complicato.

Ma non solo, tutto quello che facciamo è relazionato con i nostri limiti. Visto da fuori, visto dall’esterno, il modo in cui qualcuno gestisce alcuni aspetti della propria vita può sembrare gratuitamente complicato, ma questo è un giudizio falsato dalle credenze e le risorse di chi osserva.

La frase “Dio non ci manda niente che non possiamo gestire”, secondo me si riferisce a questo. Al fatto che ognuno incontra le situazioni che può risolvere, per difficili che possano sembrare. E, chi non le incontra, può essere che sia perchè per lui o lei sarebbero troppo semplici o troppo complicate.

La buone notizie sono tre: prima, possiamo molto di più di quanto crediamo, se non potessimo non ci troveremo nella situazione in cui siamo; seconda, siamo più forti e capaci di quanto crediamo, spesso basta esigerci un po’ meno perchè non sempre il limite è il problema; e terza: quando vogliamo possiamo spostare qualsiasi limite. Possiamo trovare le risorse o modificare le credenze che l’hanno posizionato lì dov’è.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.