Una spia e mezzo (2016)

Dopo che l’ho citato ieri parlando delle 10.000 ore ho pensato di parlarvi un po’ di più su questo film con The Rock, Una spia e mezzo. Un film che racconta la storia di due compagni di liceo dal cuore tenero, quello cicciotello che veniva preso in giro dai bulli e quello che era il più popolare e amato della scuola.

Il film, infatti, inizia con un momento di bullismo in cui dei ragazzi buttano in mezzo alla pista di basket, nudo davanti a tutti, quel ragazzino cicciotello e sensibile colpevole soltanto di non essere magro e di cantare e ballare sotto la doccia. E in cui, fra le risate di tutti, l’unico che lo aiuta è il capitano della scuadra che gli da la sua giaca per coprirsi.

E poi fa un salto di vent’anni in cui il ragazzo che era la promessa del liceo è diventato tutto l’opposto del previsto, con una vita banale, una fidanzata che ha un lavoro meglio del suo e dei colleghi che lo prendono in giro. Ed il cicciotello è diventato una spia della CIA tutto muscoli che torna e lo stravolge coinvolgendolo in un’avventura inaspettata.

Chiaramente quello che ho amato di più è stato il ruolo di Dwayne Johnson che, come fa spesso nei film, non da nessuna importanza ai muscoli ma ammira il cervello e quello che non si vede…

E anche il fatto che l’altro ragazzo, fino all’ultimo non riesce a recuperare quella fiducia in se stesso, nelle sue capacità, nelle sue intuizioni, ecc. che serve per poter eccellere, per poter dare del proprio meglio e ottenere quello che corrisponde di conseguenza.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.
vivere al limite

vivere al limite

Ci sono persone che dicono di vivere al limite perchè vivono al di là di quello che fanno gli altri, di quello che si aspetta da loro, di quello che sono le convenzioni. Secondo me, in realtà, tutti viviamo al limite. Quelle persone soltanto lo pongono in una posizione diversa, ma tutti viviamo al nostro limite.