una persona sgradevole

Dicono che c’era una volta, su di un volo di una nota compagnia aerea sulla rotta che va da Johannesburg a Londra, una donna bianca, di circa 50 anni, che dovete prendere posto in classe economica di fianco ad un giovane uomo nero.

Dicono che, visibilmente turbata, chiamò l’hostess insistentemente e l’attese impazientemente. Quando arrivò l’assistente di volo, indaffarata dai mille controlli per decollo, cercando di capire cosa fare coi bagagli a mano quando le cappelliere erano piene, come succedeva sempre sei voli così, superando le persone ancora, in piedi chiese il più gentilmente che potè:

— C’è qualche problema signora?
— Ma non lo vede?— rispose la signora — Mi avete messo di fianco un nero!! Non posso fare un viaggio in queste condizioni. Non sopporto di rimanere seduta accanto ad uno di questi esseri disgustosi. Ho pagato il mio biglietto e mi merito rispetto, perciò esigo che mi sia assegnato un altro posto.

— Per favore si calmi, credo tutti i posti dovrebbero essere occupati tuttavia andrò a vedere se ne trovo uno libero, — disse l’hostess e si allontanò per poi tornare dopo qualche minuto — Signora,come pensavo, non c’è nessun altro posto disponibile in classe economica. Ho parlato col comandante e non c’è nessun posto libero neppure in classe executive. Ci è rimasto un posto libero solo in prima classe.

— Vede, — continuò l’hostess prima che la donna avesse modo di commentare — è insolito che la nostra compagnia consenta ad una persona con biglietto di classe economica di sedersi in prima classe. Ma viste le circostanze il comandante pensa che sarebbe scandaloso obbligare qualcuno a sedersi a fianco di una persona così sgradevole.

La donna iniziò a riprendere le sue cose per spostarsi quando la hostess si rivolse al suo vicino di sedile:
— Quindi signore, se lo desidera, prenda il suo bagaglio a mano che c’è un posto che l’attende in prima classe.

Dicono anche che tutti i passeggeri, che allibiti avevano assistito alla scenata della signora, si sono alzati in piedi applaudendo.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…

paradossi

I paradossi, secondo wikipedia, sono fatti che contraddicono l’opinione comune o l’esperienza quotidiana, la logica, la razionalità, che porta a una contraddizione, a qualcosa che non riusciamo a comprendere, o a capire, che ci mette in difficoltà.