Una famiglia al tappeto (2019)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film molto particolare che ho voluto vedere solo perchè tra gli attori c’era The Rock, ma che poi, quando mi sono messa a studiare la storia mi ha commossa, Una famiglia al tappeto. Un film che racconta la vera storia di Paige, superstar del WWE,

A voler trasporre la storia di Paige su grande schermo è stato lo stesso Dwayne Johnson che nel 2012, mentre si trovava a Londra per girare Fast & Furious 6, ha visto alla televisione inglese un documentario dedicato alla lottatrice e si sentì indentificato visto che anche lui arriva da una famiglia di lottatori.

 Ma, parlando della storia, quello che mi ha colpita è stato il modo in cui mostra la passione della famiglia, come condividono quello che fanno, anche se si tratta di lotta. Non è la solita famiglia in cui sono tutti felici e dolci, in cui condividono qualcosa che tutti ammirano. Ma se ne fregano, amano quello che fanno

E anche gli effetti della famiglia in lei, il supporto e l’allenamento durante i primi anni; il dolore del distacco quando viene selezionata solo lei per andare al top, e il ritrovo quando nel momento della verità, si rende conto che sono sempre con lei, dentro di lei, e che tutto quello che farà lo farà anche per loro.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.