un posto migliore

Dicono che c’era una volta, in un piccolo villaggio nel bel mezzo dell’Africa tropicale. Un luogo meraviglioso di colori che sembrano usciti da una fiaba, tra mari e montagne, tra fiumi che scorrono e sabbie del deserto. in cui l’uomo ancora conviveva in armonia con animali e piante, In cui c’era un ragazzo pieno di vita, di energia e di domande.

Un giorno si chiese dove andava il sole durante la notte. Voleva solo sapere dov’era la sua casa. Doveva essere un posto magico, chiese ai saggi e ai gufi ma nessuno seppe dargli la risposta. Perciò decise di andare a cercare la sua risposta lui stesso. Prese poche cose e la sua scimmietta, salutò tutti e partì.

Camminò verso Ovest  giorni, mesi, riposando solo durante le notti. Attraversò la selva, il deserto, dei fiumi e persino l’oceano. Incontrò tanti villaggi e tante persone, tanti animali e tante storie. Imparò tante cose ma il sole era sempre avanti. Non riusciva a raggiungerlo mai.

Un giorno trovò un posto così meraviglioso che pensò di averlo trovato, si addormentò tranquillo, sicuro che lì il sole non sarebbe andato via, ma niente, quando si svegliò era giorno e continuò il viaggio.

Negli anni che passò camminando incontrò molte persone, ma ad un certo punto ci fu una ragazza speciale, così simile e così diversa che si innamorò perdutamente. Tanto di pensare di abbandonare la sua ricerca.

Lei lo portò nel suo villaggio, e lui sentì qualcosa che non aveva mai sentito, quel posto era… era… era il suo villaggio. Fecero una festa e le peronse che l’avevano conosciuto prima gli chiesero se aveva trovato dove si nascondeva il sole…

Dopo un momento di pausa disse <<ho scoperto che il sole non va mai a dormire, non ha tempo e non ne ha bisogno. Tutta la terra è la sua casa, ed è bellissima, siamo noi che dobbiamo imparare ad apprezzarlo…>>

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.