Tutta colpa di Freud (2014)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film italiano con il mio adorato Marco Giallini, nei panni di uno psicoterapeuta con tre figlie. Tutto colpa di Freud. Una commedia simpatica, allo stesso tempo leggera e capace di fare riflettere, sull’amore e le relazioni, sulle difficoltà, sulla fortuna, sui malintesi, sulla ricerca, riflettendo con la testa e continuando a provare con il cuore.

Quattro storie incrociate, le storie di tre figlie e del loro padre, ognuno cercando quell’amore di cui tutti abbiamo disperato bisogno. Ognuno con le proprie condizioni, con le proprie limitazioni, con le proprie circostanze e caratteristiche. Ognuno nel suo percorso incontra delle persone sbagliate e giuste, e delle difficoltà.

Una delle scene che ho amato di più è quella in cui il padre, alquanto cinico per il suo mestiere di psicoterapeuta, ad un certo punto, quando sua figlia lesbica dice di voler diventare etero per i suoi problemi con le donne (discorso già meraviglioso perchè abbiamo sentito mille volte dire l’opposto ad ogni donna delusa dei maschi) fa un riassunto bellissimo sui maschi e la loro psicologia, riassunta sarebbe qualcosa tipo:

— Io mi sento di poter dividere gli uomini in quattro categorie, che più o meno mi vanno a coprire circa il 95% dell’universo maschile.
Categoria 1:  gli insoddisfatti. Tutto il giorno ripetono -la mia vita fa schifo, mia moglie non mi ama, i miei figli mi detestano-. La donna che casca in questo rapporto diventa una crocerossina; non dice mai -io ti amo-, ma dice -io ti salverò-. Categoria 2: i Peter Pan. Hanno di bello che non hanno crisi di mezza età perché sono fermi all’adolescenza. Per loro sei un gioco, conquistarti vuol dire salire al primo livello, portarti a letto è vincere la partita. Prediligono donne giovani, esageratamente giovani. Passerei senz’altro alla categoria 3, i vorrei-ma-non-posso. Di solito sposati con figli, ma in procinto di separarsi, in procinto di dirglielo, in procinto di andare via di casa… Sono sempre in procinto di, ma non fanno mai nulla, perché ora lei sta attraversando un momento difficile, perché il bambino è piccolo, perché il bambino non capirebbe. E poi ci sono infine i buoni, belli  e intelligenti, ma che hanno un problema, la mamma, una presenza costante e imprescindibile, fin dall’infanzia. E’ lì che cominciano a trasformare i loro piccoli uomini in piccoli mostri. Quanto sei bello, quanto sei intelligente, quanto sei bravo. E allora, se per metà della tua esistenza una donna ti fa sentire Dio, perché accettare che per il resto della vita un’altra donna ti faccia sentire uno stronzo?”
— Papà, però scusa, tu hai parlato del 95%  degli uomini. E il restante 5%?
— Sono quelli decenti. Buona caccia al tesoro amore mio!

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

auguri e desideri

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo ancora di enneatipi, di ali e di livelli di salute. Perchè sebbene tutta questa storia dell’enneagramma sia molto semplice può essere anche ingannosa nel momento in cui crediamo di aver capito tutto e lo usiamo per giudicare e prevedere invece che per comprendere.

normale manutenzione

Come dicevamo la settimana scorsa, di nuovo è arrivato dicembre, momento di regali di Natale e anche di bilanci. Mi sembra una sana abitudine (non tutto è da buttare nel solito modo di fare) quella di approfittare di questo mese per fare dei bilanci. Delle cose che abbiamo, delle cose che volevamo, delle cose che abbiamo raggiunto o perso, di quelle a cui abbiamo rinunciato.

uscire dal bozzolo

Dicono che un giorno, apparve un piccolo buco in una crisalide e un uomo gentile ed educato, che passava di lì per caso, si fermò ad osservare la farfalla che, per varie ore, si sforzava per uscire da quel piccolo buco, ma era troppo piccolo, faceva troppa fatica,...

Fai Spazio nella Tua Vita (2016)

Oggi voglio parlare di un libro di cui mi sono innamorata tante volte che ho perso il conto. L’autore è Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica applicata al business, e il libro si chiama La parola magica. L’ho comprato per caso ma… mentre lo leggevo, con una amica l’ho definito un corso di pnl e communicazione efficace travestito di romanzo, tra l’altro con una tematica e personaggi affascinanti.

L’amore ha due facce (1996)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film italiano, con Raoul Bova e Luca Argentero, e, scusate se non ricordo nessun’altro nome, ma per me con quei due basta e avanza… Fratelli unici. Una commedia romantica di quelle che piacciono a me, con il suo spazio per riflettere, sull’amore, sulla memoria, sul perdono, e sulle seconde opportunità…

enneagramma pratico

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di enneagramma e di enneatipi, fatto un test e risolto alcuni dubbi su come utilizzare al meglio questo strumento per migliorare i nostri rapporti con noi stessi e con tutti quelli che ci circondano, famiglia, amici, colleghi… che abbiano lo stesso enneatipo o enneatipi diversi.

il prezzo dei regali

Di nuovo è arrivato dicembre e molti di noi stiamo pensando ai regali di Natale, che sono delle cose con un valore speciale, sia per chi li dona che per chi li riceve, Un valore e un costo che normalmente diamo per scontati, su cui spesso non ci fermiamo a riflettere. E su cui vorrei invitarci a farlo per poter prendere le decisioni in maniera più consapevole.