Tredici (2007)

Oggi voglio parlare di nuovo di un romanzo, Tredici, che è diventato famoso quando Netflix ci ha fatto un telefilm che è diventato cult. Infatti è stata acclamata dalla critica, che ha lodato l’interpretazione del cast e l’approccio a temi delicati come il suicidio, la violenza sessuale, l’omosessualità, le violenze domestiche e il bullismo; anche se la rappresentazione esplicita di tali temi ha generato dibattiti e controversie in numerosi paesi.

Racconta la storia del suicidio della studentessa Hannah Baker, che si è tagliata le vene qualche settimana prima dell’inizio della storia, e degli effetti che questa cosa ha sui compagni, sui genitori, su tutte le persone che la conoscevano di più o di meno. Una storia che va avanti raccontando quello che sta succedendo a coloro che sono rimasti, e indietro con le storie che lei ha registrato in 13 cassette, una per ogni persona a cui da parte della responsabilità di averla spinta nella disperazione o di non averla salvata.

Quello che ho amato di più è la trasparenza con cui, disperata e decisa a togliersi la vita, decide di raccontare tutto quello che credeva di non poter raccontare mentre era ancora una ragazza normale, con le limitazioni e i sogni infranti, con le paure e i rancori. E anche la forma in cui prende il messaggio chi lo riceve. Cadendo nella rabbia, nella tristezza, nella disperazione o cercando di fare finta di niente… perchè il sistema in cui sono immersi non permette loro di fare diversamente.

Vi ho messo il trailer del telefilm perchè ho adorato anche quello, sia la prima che la seconda stagione, ogni episodio, ogni personaggio, e il messaggio globale che trasmettono.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

enneagramma

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di un argomento leggermente diverso da quelli delle ultime settimane, anche se sempre utile per conoscerci meglio, comprendere cosa ci muove, le risorse, i pensieri compulsivi, ecc. La semplicità e la chiarezza del sistema lo rendono ideale per l’autoconoscenza, l’educazione, il rapporto di coppia, i rapporti sociali, l’ambito aziendale e qualsiasi dinamica di gruppo.

forza e coraggio

Abbiamo detto in diverse occasioni che il lavoro che facciamo per cambiare punto di vista prevede di “disimparare” il significato che diamo normalmente ad alcune parole. Una di queste parole è “forza”, siete come me, spesso vi sentirete dire che siete forti, ma viene usato in un modo che sembra più una condanna che qualcosa di positivo…

ce l’hai con me?

Dicono che c’era una volta, un uomo disperato dopo una giornata terribile entro in chiesa piangendo e riuscì a parlare con Dio.
— Posso farti una domanda? — chiese.
— Certo — rispose Dio.
— Promettimi che non ti arrabbierai ..
— Prometto — rispose Dio — Non sono uno che si arrabbia così facilmente…

La crisi! (1992)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film francese che al suo tempo mi colpì tantissimo, La crisi!. Una meravigliosa e velocissima riflessione sull’egoismo e l’ipocrisia che rendono le persone cieche e sorde ai problemi degli altri, e sulla società malata in cui viviamo che ci porta ad essere così distratti dalle cose che dobbiamo fare di non avere tempo per vivere veramente…

se ti ho incuriosito...