Tredici (2007)

Oggi voglio parlare di nuovo di un romanzo, Tredici, che è diventato famoso quando Netflix ci ha fatto un telefilm che è diventato cult. Infatti è stata acclamata dalla critica, che ha lodato l’interpretazione del cast e l’approccio a temi delicati come il suicidio, la violenza sessuale, l’omosessualità, le violenze domestiche e il bullismo; anche se la rappresentazione esplicita di tali temi ha generato dibattiti e controversie in numerosi paesi.

Racconta la storia del suicidio della studentessa Hannah Baker, che si è tagliata le vene qualche settimana prima dell’inizio della storia, e degli effetti che questa cosa ha sui compagni, sui genitori, su tutte le persone che la conoscevano di più o di meno. Una storia che va avanti raccontando quello che sta succedendo a coloro che sono rimasti, e indietro con le storie che lei ha registrato in 13 cassette, una per ogni persona a cui da parte della responsabilità di averla spinta nella disperazione o di non averla salvata.

Quello che ho amato di più è la trasparenza con cui, disperata e decisa a togliersi la vita, decide di raccontare tutto quello che credeva di non poter raccontare mentre era ancora una ragazza normale, con le limitazioni e i sogni infranti, con le paure e i rancori. E anche la forma in cui prende il messaggio chi lo riceve. Cadendo nella rabbia, nella tristezza, nella disperazione o cercando di fare finta di niente… perchè il sistema in cui sono immersi non permette loro di fare diversamente.

Vi ho messo il trailer del telefilm perchè ho adorato anche quello, sia la prima che la seconda stagione, ogni episodio, ogni personaggio, e il messaggio globale che trasmettono.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.

perchè non si sforza di più?

Dicono che c’era un saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio. Una volta arrivò da lui una coppia sposata da molti anni che continuava a litigare e a rinfacciarsi ogni cosa. Le loro vite erano intrecciate e non facevano altro che lamentarsi l’uno dell’altro. A sentirli parlare sembrava che non facessero altro che ideare modi in cui farsi la vita impossibile.