Toc Toc (2017)

Oggi voglio parlarvi dell’ultimo film spagnolo che ho visto su Netflix, Toc toc. Una storia adattata dal teatro in cui un gruppo di  pazienti di un famosissimo psicologo si trovano insieme in una sala d’attesa ad aspettare il dottore ritardatario. Ognuno con un disturbo simile anche se diverso, alcuni persino apparentemente incompatibili, che creano una serie di scene tra il divertente e il disperato.

I protagonisti sono un uomo con la sindrome di Tourette, una giovane germofobica, una donna dislessica con la mania di controllare tutto mille volte, un accumulatore compulsivo con una smisurata passione per i numeri e i conteggi e altri due ognuno con una ossesione sempre più “strana”. Tutti con una cosa in comune, la sensazione di stare perdendo la vita in balia delle loro compulsioni.

Siccome tutti hanno avuto appuntamento allo stesso orario per un errore informatico e il dottore non arriva per un ritardo nel suo volo da Londra, su suggerimento dell’assistente decidono di presentarsi e cercare di aiutarsi l’un l’altro.

Ho riso di cuore ogni volta (l’ho visto due volte in due giorni con persone diverse) e ho amato ogni istante e ogni personaggio, con quanto erano esagerati e allo stesso tempo mi sembravano così credibili, così familiari, così umani, così fragili, così disperati e desiderosi di curarsi…

Ma io, che organizzo gruppi di mutuo aiuto e credo fortemente nella loro utilità, quello che ho amato di più è quello che sono riusciti a fare senza lo psicologo, senza un esperto che guidassi loro, come una squadra di origine “naturale”, in cui ognuno apportava nozioni accumulate nel tempo e nei precedenti tentativi.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

enneagramma

Al prossimo incontro di facciamo pace, parleremo di un argomento leggermente diverso da quelli delle ultime settimane, anche se sempre utile per conoscerci meglio, comprendere cosa ci muove, le risorse, i pensieri compulsivi, ecc. La semplicità e la chiarezza del sistema lo rendono ideale per l’autoconoscenza, l’educazione, il rapporto di coppia, i rapporti sociali, l’ambito aziendale e qualsiasi dinamica di gruppo.

forza e coraggio

Abbiamo detto in diverse occasioni che il lavoro che facciamo per cambiare punto di vista prevede di “disimparare” il significato che diamo normalmente ad alcune parole. Una di queste parole è “forza”, siete come me, spesso vi sentirete dire che siete forti, ma viene usato in un modo che sembra più una condanna che qualcosa di positivo…

ce l’hai con me?

Dicono che c’era una volta, un uomo disperato dopo una giornata terribile entro in chiesa piangendo e riuscì a parlare con Dio.
— Posso farti una domanda? — chiese.
— Certo — rispose Dio.
— Promettimi che non ti arrabbierai ..
— Prometto — rispose Dio — Non sono uno che si arrabbia così facilmente…

La crisi! (1992)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film francese che al suo tempo mi colpì tantissimo, La crisi!. Una meravigliosa e velocissima riflessione sull’egoismo e l’ipocrisia che rendono le persone cieche e sorde ai problemi degli altri, e sulla società malata in cui viviamo che ci porta ad essere così distratti dalle cose che dobbiamo fare di non avere tempo per vivere veramente…

tre livelli di percezione

Ieri sera, per finire con l’argomento degli archetipi e di come ci influenzano abbiamo parlato della tecnica di analisi dei problemi secondo i tre livelli di percezione, sempre interpretando liberamente gli insegnamenti di Caroline Myss, che ci dice che ogni situazione che incontriamo nella vita possiamo percepirla e interpretarla a tre diversi livelli, fisico, mentale e metaforico o simbolico.

se ti ho incuriosito...