Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.

Un tentativo di rispondere ad alcune domande: dal come mai pare così difficile capirsi, quando si è in rete, connessi, anzi, iperconnessi? Come mai la comunicazione deraglia così facilmente? Come fare per vivere felici e connessi?

Diviso in quattro parti, la prima è dedicata a come il mondo del web ha dato nuovo spazio e maggiore risonanza a sentimenti vecchi come l’odio, l’invidia, e persino l’odio per se stessi. Niente di nuovo e niente di terribile, se ci abituiamo a fare attenzione per non cadere nelle loro trapole.

La seconda è dedicata al modo in cui parliamo di noi e spiega con chiarezza ed esempi l’importanza che ha quello che scriviamo, o non scriviamo, nel web sia per la durata che per la facilità di trasmissione e inoltro. Di nuovo, niente di pericoloso se pensiamo bene cosa scriviamo.

La terza è dedicata al modo in cui parliamo di ciò che succede, e ci spiega come fare attenzione a quello a cui prestiamo la nostra voce, invitandoci a controllare prima, tra le altre cose, la veridicità di ciò che sosteniamo.

La quarta e ultima parla di relazioni, di come parliamo con gli altri, delle differenze fra farlo offline e online, quelle che vengono fuori con un’analisi attenta che fanno soprattutto gli addetti ai lavori… ma che, quando parliamo di Internet, servirebbero un po’ a tutti.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…