the green book (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film di cui si è parlato molto, basato su una storia vera, sui pregiudizi, sull’omofobia e il razzismo negli Stati Uniti degli anni sessanta, con i fantastici Viggo Mortensen, Mahershala Ali: The Green Book.

Un road movie in tutta regola, un viaggio vero, reale, ma anche un viaggio interiore. Un italiano pieno di pregiudizi viene assunto per accompagnare un pianista di colore in un giro negli Stati del Sud in cui le persone più colte amano sentirlo suonare ma la maggioranza lo considera un essere inferiore.

Una storia di amicizia, di complicità tra due persone molto diverse e molto lontane all’inizio. Un’amicizia che nasce da due premesse importanti, la curiosità e il rispetto e supera tutte le barriere, tutte le ettichette e tutte le credenze limitanti precedenti.

 Una storia su come, quando le nuove informazioni incontrano i pregiudizi, si possono infrangere le une o le altre… a seconda del nostro atteggiamento. Qualsiasi informazione, qualsiasi pregiudizio, vecchio o nuovo che sia.

Una delle scene che più mi è piaciuta, infatti, è quella in cui, quasi alla fine, vengono fermati dai poliziotti, per la seconda volta, e loro hanno paura che si ripeta la scena di qualche giorno prima… ma succede tutto il contrario.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aladin (2019)

Aladin (2019)

Quest’anno, uno dei film che ho aspettato con ansia è stato: Aladin, con Will Smith nel ruolo di genio. Credo sia una di quelle storie che ogni tanto vanno riviste, raccontate di nuovo, con occhi diversi che noteranno dettagli diversi.

meglio e di più

meglio e di più

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di confronti, di ranking, di cos’è meglio e cos’è peggio, ma soprattutto ci chiederemo da dove arrivano queste informazioni, e vedremo, quando abbiamo informazioni contrastanti, il metodo migliore per scegliere a chi credere.

sovrascrivere

sovrascrivere

Spesso diciamo che la scuola è cambiata molto meno di quanto sia cambiato il resto del mondo, che è ancora una fabbrica di operai in un mondo in cui servirebbero più liberi pensatori, creativi, organizzatori e lavoratori in squadra.

vincere

vincere

Dicono che c’era un tempo, molto tempo fa, in cui l’amore e la paura lottavano per i cuori degli uomini. L’amore era molto più forte e la paura stava per essere sconfitta quando ebbe l’idea più terrificante di tutte e stravolse il mondo.