Storia di una balena bianca … (2018)

Ogni tanto mi piace leggere dei racconti più leggeri che mi fanno rilassare e osservare la vita con occhi nuovi, come questa settimana ho riletto Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa, di Luis Sepulveda.

Un libro che racconta la storia della Balena che ispirò Moby Dick, raccontata con parole sue. Una storia molto vecchia raccontata con parole così semplici che forse solo un bambino può comprendere…

Un bambino molto piccolo ancora non inquinato dall’educazione dei grandi, ancora capace di parlare la lingua degli animali e di comprendere quanto sono pazze alcune delle cose che fanno gli uomini, alcuni uomini.

 Una delle cose che più mi è piaciuta è stata il modo in cui spiega come gli animali parlano senza parole, solo guardandosi negli occhi, si trasmettono le emozioni, i ricordi, le storie, come se fossero dei video, dei filmati muti.

E l’altra è stata la contraposizione fra gli uomini del mare e i cacciatori di balene, che mi fa riavere fiducia nell’umanità, nella salvezza di alcuni quando le cose si metteranno male.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

fiducia

fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

va bene così

va bene così

In questo momento storico ci sono molte persone, anche citando testi spirituali e sacri, che, con la scusa del pensiero positivo, ci propongono un atteggiamento “menefreghista” come unica alternativa per essere felici in un mondo che sembra quasi tutto storto.

la dignità

la dignità

Dicono che moltissimi anni fa, in una scuola di filosofia, un allievo rifletteva sul paradosso di Epicuro. Dopo che l’aveva sentito a lezione la prima volta, non poteva smettere di pensarci, ne aveva parlato con insegnanti e compagni di classe. Era convinti ci fosse una soluzione e voleva trovarla.