sovrascrivere

Ricordo quando ho avuto il primo computer e ho “presentato” il mio primo tema a scuola fatto con l’equivalente di “word” e stampato con la mia stampante ad aghi. Avevo tredici anni e nemmeno i miei professori avevano mai visto niente di simile.

La cosa che più mi piaceva era la possibilità di scrivere la prima cosa che mi veniva in mente e poi modificarla, “riscriverla”, aggiustarla, migliorarla, concrettizzarla o approfondire il concetto. Tutto questo, con la carta e la penna era molto più difficile.

Quando diciamo che la nostra mente è un insieme di informazioni più o meno coscienti, di cui siamo più o meno consapevoli, come un database informatico gigantesco, stiamo costatando che abbiamo la possibilità di riscrivere ogni informazione.

Anche con la carta potevamo farlo, ma era più complesso. Se avevamo scritto a matita si poteva cancellare (se non avevamo premuto troppo e se non avevamo passato troppe volte la stessa scritta). Adesso ci sono anche le penne cancellabili. 

Ma preferisco l’esempio del computer perchè è più inmediato. Il problema è che il nostro è un database relazionale ed emotivo. Ci sono tante scritte in tanti “posti” e per riscrivere una credenza dovremmo riscriverle tutte.

Quando troviamo qualcosa che è diversa da tutto quello che avevamo trovato prima, o quando qualcuno ci spiega qualcosa che da un senso diverso a tutto il resto, dobbiamo fare il lavoro di riscrittura. Può essere stancante, ma ne vale la pena.

Che ne pensate? Siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.