Il sesto senso (1999)

Oggi vi parlo di un film, Il sesto senso, non nuovissimo, di quelli con il finale a sorpresa, uno di quelli che rimangono nella memoria perchè parlano di un argomento tabù tra i tabù… la morte, cosa c’è dopo la morte, se sia possibile entrare in contatto con le persone che ci hanno lasciato. Se sia un dono o una condanna, e se questi esseri siano pericolosi o meno. E, soprattutto, se siano delle cose da tenere in segreto o meno.

Chiaramente, ad avere questo “dono”, questa possibilità, questa capacità è un bambino… innocente e allo stesso tempo fragile. Curioso e allo stesso tempo spaventato. Isolato dalla paura di essere diverso e incompreso.

Ho amato particolarmente:

  • le scene della coppia, l’incomunicabilità, il fatto che sono così credibili quando sembrano “ignorarsi” anche se si mancano così tanto… e solo alla fine si capisce come mai.
  • lo psicologo, che cerca in tutti i modi di continuare a fare il suo mestiere, ignaro di quello che è successo, sempre fino alla fine. E, infatti, è proprio bravo. Riesce a parlare con il bambino tornando innocente. Riesce ad aprire la sua mente per accogliere il bambino e, come chiunque cerchi sinceramente di aiutare un bambino alla fine quello che impara è lui.
  • la fedeltà al copione classico sulla morte, sui fantasmi, sull’aldilà, sulla loro versione positiva, le anime possono rimanere se hanno cose da fare, poi, una volta fatte, possono andare via.
  • il colpo di scena finale che stravolge tutta la lettura del film come giusto colophon delle atmosfere e la tensione che il regista ha saputo creare e mantenere in un crescendo fino alla fine.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Cosa vi ha colpito di più?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.