Se vuoi puoi (2010)

U n’altro autore italiano che mi piace molto è Roberto Cerè, imprenditore ed executive coach dei top manager di grandi aziende.  Questa settimana voglio parlarvi del suo primo libro,  Se vuoi, puoi, con uno stile molto interessante, partendo da una buona dose di dati autobiografici da cui trae le conclusioni.

Partendo dalla sua esperienza personale e anche da quelle di personaggi famosi italiano, studia cosa rende diverso chi ce l’ha fatta di chi no… Racconta di Ferruccio Lamborghini, che prima di diventare un famoso costruttore di auto sportive, riparava trattori. Di Enzo Ferrari, di Leonardo Del Vecchio…

E ci fa vedere che non ci sono limiti, o meglio, che gli unici limiti sono nella nostra psicologia. L’unico limite a quanto in alto possiamo andare è quanto crediamo di poter salire. Ognuno di noi può ottenere ciò che vuole nella vita, a tre condizioni:
    *   deve volerlo intensamente,
    *   deve conoscere le giuste strategie,
    *   deve applicarle.

Partendo dalla sua esperienza  ha raccolto in questo libro le 10 migliori strategie per scoprire ciò che volete veramente realizzare nella vostra vita, personale e professionale; come liberarvi definitivamente dai vostri auto-sabotaggi, conflitti e demotivazioni; come rompere le barriere mentali che vi impediscono di raggiungere ciò che più volete.

Questo libro ci offre una scorciatoia per imparare, migliorare o cambiare le proprie strategie e iniziare a raggiungere risultati migliori, nel business e nella vita: pianificando il futuro, affrontando la realtà com’è, decidendo e (SOPRATTUTTO) agendo…

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.