Se vuoi puoi (2010)

U n’altro autore italiano che mi piace molto è Roberto Cerè, imprenditore ed executive coach dei top manager di grandi aziende.  Questa settimana voglio parlarvi del suo primo libro,  Se vuoi, puoi, con uno stile molto interessante, partendo da una buona dose di dati autobiografici da cui trae le conclusioni.

Partendo dalla sua esperienza personale e anche da quelle di personaggi famosi italiano, studia cosa rende diverso chi ce l’ha fatta di chi no… Racconta di Ferruccio Lamborghini, che prima di diventare un famoso costruttore di auto sportive, riparava trattori. Di Enzo Ferrari, di Leonardo Del Vecchio…

E ci fa vedere che non ci sono limiti, o meglio, che gli unici limiti sono nella nostra psicologia. L’unico limite a quanto in alto possiamo andare è quanto crediamo di poter salire. Ognuno di noi può ottenere ciò che vuole nella vita, a tre condizioni:
    *   deve volerlo intensamente,
    *   deve conoscere le giuste strategie,
    *   deve applicarle.

Partendo dalla sua esperienza  ha raccolto in questo libro le 10 migliori strategie per scoprire ciò che volete veramente realizzare nella vostra vita, personale e professionale; come liberarvi definitivamente dai vostri auto-sabotaggi, conflitti e demotivazioni; come rompere le barriere mentali che vi impediscono di raggiungere ciò che più volete.

Questo libro ci offre una scorciatoia per imparare, migliorare o cambiare le proprie strategie e iniziare a raggiungere risultati migliori, nel business e nella vita: pianificando il futuro, affrontando la realtà com’è, decidendo e (SOPRATTUTTO) agendo…

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.

amore, in che senso?

Spesso mi capita di sentire delle persone che dicono che l’amore per gli animali o “ricevuto” dagli animali è meglio di quello delle persone. Dicono che i cani siano più fedeli, che ci amino incondizionatamente e che sia meglio avere affianco un cane che un uomo…