scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.

Potremmo dire che le emozioni sono dei fuochi, che partendo da una scintilla divampano più o meno controllati.

La scintilla che le provoca non è la vera causa, c’è qualcos’altro dentro di noi, come un gas, che partendo dalla scintilla fa la fiamma. Per questo motivo situazioni simili causano emozioni diverse in diverse persone, perchè ognuno è fatto di gas diversi.

Finchè fermermo la nostra analisi alle scintille, alle cause che “sembrano” provocare le emozioni, non potremo mai approfondire abbastanza la nostra conoscenza e il nostro controllo sul fuoco.

Infatti, per fermare un fuoco bisogna agire sul gas che viene bruciato, togliendo i gas infiammabili e persino l’ossigeno, il fuoco muore e le scintille non fanno più effetto.

E, dal momento che il gas è dentro di noi, questo rende questo lavoro sia più semplice che più complesso. Più semplice perchè quello su noi stessi è l’unico lavoro possibile. Più complesso perchè si tratta di lavorare sull’inconscio che è dove si trova questo gas.

La buona notizia è che, se possiamo studiare e lavorare sui nostri gas anche tra una scintilla e l’altra, per prepararci… che ne dite? Vi piace la metafora?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.