scegliere

All’ultimo incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di desideri, visto il periodo natalizio, di come capirli e di come trasformarli in obiettivi, ma soprattutto di come possiamo capire i meccanismi nascosti con cui scegliamo anche incosciamente a quali desideri dedichiamo la nostra vita e quali rimangono solo parole…

Perchè, che ci crediamo o no, facciamo sempre quello che crediamo sia meglio. In anzitutto per noi, in secondo luogo, per quelli a cui teniamo o che amiamo e, infine, per il mondo in generale solo quando non ci sono conflitti fra i tre aspetti. Ma, sempre, sempre, sempre in ogni circostanza, gonuno fa quel che crede sia meglio.

E, come conseguenza diretta, non facciamo quello che crediamo non sia la cosa migliore. Anche se diciamo di voler farlo, anche se siamo convinti, se non lo facciamo, una ragione c’è sempre. Perciò, quando non facciamo tutto quello che “dovremmo” per avverare un desiderio, è perchè… da qualche parte c’è un’altro desiderio più forte, nascosto, che ce lo impedisce.

 Nel mio esempio preferito, la dieta, voglio dimabrire ma non riesco. Potrebbe essere che voglio mantenere le abitudini gastronomiche che mi hanno portata ad avere il peso che ho, perciò fatico tantissimo a mangiare di meno o diverso e ogni boccone che non mangio e un trauma; o potrebbe essere che credo di avere dei benefici dal non essere magra, mi salvo dal fare alcune cose perchè la mia stazza me lo impedisce, perciò non faccio fatica a non mangiare ma ogni volta che perdo qualche chilo lo riprendo subito; o potrebbero esserci mille motivi. Solo scavando e trovando il nostro potremo soddisfare quel desiderio in un’altro modo e riuscire nel nostro desiderio iniziale.

La buona notizia è che questi desideri nascosti non vedono l’ora di uscire, e con le domande giuste, possiamo approfondire quanto vogliamo.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

cattiveria gratuita

Spesso, soprattutto con i più giovani, mi capita di sentire l’espressione “cattiveria gratuita”: mi tratta, mi parla o l’ha fatto con con cattiveria gratuita. Normalmente spiego loro che io credo che la cattiveria non sia mai gratuita, anzi!

espelliamoli!

Dicono che c’era una volta tanto tempo fa, in un piccolo villaggio, la bottega di un falegname. Un giorno, durante l’assenza del padrone, tutti i suoi arnesi da lavoro tennero un gran consiglio. Ci fu una seduta lunga e animata, in cui si poponeva di escludere dalla onorata comunità degli utensili un certo numero di membri.

Libro delle epoche (2012)

O[/dropcap]ggi voglio parlare di un’altro libro di Igor Sibaldi, Il libro delle epoche, che ho letto perchè sono andata al suo seminario presenziale sulle “Epoche vecchie – Epoche nuove. Come orientarsi nel tempo”, interessantissimo come ogni suo evento. In cui sviluppa l’argomento e lo aggiorna il discorso anche fino al 2019 e oltre.

la ruota della bestia

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di schiavitù moderne, delle cose o persone che ci fanno comportare in modi diversi da quelli che vorremmo, ma abbiamo anche visto e iniziato a sperimentare uno strumento per riprendere i controlli della nostra vita, una versione della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…