sapere tutto

Spesso diciamo che la scuola è cambiata molto meno di quanto sia cambiato il resto del mondo, che è ancora una fabbrica di operai in un mondo in cui servirebbero più liberi pensatori, creativi, organizzatori e lavoratori in squadra.

Ci sono ancora i libri, i quaderni, le classi frontali, gli esami e i voti. Gli insegnanti che non sanno quanto è importante il loro lavoro e che, credono solo di doverli riempire di contenuti. Nel migliore dei casi, non riescono ad aiutarli perchè non capiscono niente sulla psicologia dei ragazzi.

La scienza ha fatto tanti progressi, abbiamo sconfitto tante malattie e immaginato teoricamente le soluzioni a tutti i tipi di problemi. Ma, nella pratica, solo pochi elementi riescono a fare cose grandiose, e molti lo fanno solo quando superano quello che la scuola ha insegnato loro.

Ma, in realtà, le cose sono cambiate, a vista di molti peggiorate, non tanto nell’organizzazione dei contenuti quanto nella gestione dei ruoli. In una società sempre più indignata e in cui l’apparenza ha sempre di più la megliosulla sostanza, i ragazzi sono sempre più protetti e coccolati e così diventare adulti è sempre più difficile.

Ogni volta che sento mia figlia parlare delle interrogazioni programmate e delle loro richieste nei confronti degli altri compagni o degli insegnanti, capisco meglio perchè il mondo sta andando come sta andando.

Fin dalla scuola stiamo insegnando ai ragazzi che possono controllare tutto e che possono “sapere” tutto in anticipo, prevedere tutto. Senza renderci conto che li stiamo solo indebolendo…

Che ne pensate? Siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.