sapere tutto

Spesso diciamo che la scuola è cambiata molto meno di quanto sia cambiato il resto del mondo, che è ancora una fabbrica di operai in un mondo in cui servirebbero più liberi pensatori, creativi, organizzatori e lavoratori in squadra.

Ci sono ancora i libri, i quaderni, le classi frontali, gli esami e i voti. Gli insegnanti che non sanno quanto è importante il loro lavoro e che, credono solo di doverli riempire di contenuti. Nel migliore dei casi, non riescono ad aiutarli perchè non capiscono niente sulla psicologia dei ragazzi.

La scienza ha fatto tanti progressi, abbiamo sconfitto tante malattie e immaginato teoricamente le soluzioni a tutti i tipi di problemi. Ma, nella pratica, solo pochi elementi riescono a fare cose grandiose, e molti lo fanno solo quando superano quello che la scuola ha insegnato loro.

Ma, in realtà, le cose sono cambiate, a vista di molti peggiorate, non tanto nell’organizzazione dei contenuti quanto nella gestione dei ruoli. In una società sempre più indignata e in cui l’apparenza ha sempre di più la megliosulla sostanza, i ragazzi sono sempre più protetti e coccolati e così diventare adulti è sempre più difficile.

Ogni volta che sento mia figlia parlare delle interrogazioni programmate e delle loro richieste nei confronti degli altri compagni o degli insegnanti, capisco meglio perchè il mondo sta andando come sta andando.

Fin dalla scuola stiamo insegnando ai ragazzi che possono controllare tutto e che possono “sapere” tutto in anticipo, prevedere tutto. Senza renderci conto che li stiamo solo indebolendo…

Che ne pensate? Siete d’accordo?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.