rumore

Nell’acustica si definisce rumore ogni segnale di disturbo sonoro senza caratteristiche musicali, non per forza associato a sensazioni sgradevoli ma più ad una percezione indistinta e confusa. Nella teoria dell’informazione, invece, rumore è tutto ciò che può compromettere l’efficacia della comunicazione.

In altri ambiti, con un valore più metaforico, si considera rumore tutto quel che può ridurre l’efficacia o anche compromettere il risultato della comunicazione fra un emitente ed un ricettore.

Per noi il rumore è anche qualsiasi elemento che rende più difficile la comunicazione con noi stessi, qualsiasi elemento che impedisce di concentrarsi sui propri pensieri, su quello che vogliamo, come le armi di distrazione di massa di cui abbiamo già parlato.

Ma non solo, anche la radio, la televisione, le notizie, i telefilm, e persino la musica, se li usiamo per distrarci e per riempire il nostro tempo senza pensarci più di tanto, sono solo rumore.

Se li usiamo per studiare, per imparare, per approfondire delle informazioni utili, ecc. allora è diverso. Perchè in fondo sono solo degli strumenti, ed è come li usiamo che li rende funzionali o deleteri.

Se ci portano lontano dalla nostra vita, a pensare a cose completamente fuori dalla nsotra responsabilità e ci trattengono lontano dal qui e ora, dall’unico tempo e dall’unico spazio in cui possiamo agire… potremmo risolvere il problema con delle dosi di silenzio.

Riducendo quel che ascoltiamo, quel che pensiamo e quel che diciamo a noi stessi e agli altri.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.