rinunce e sacrifici

Altre parole che si confondono spesso, come se fossero la stessa cosa, con piccole connotazioni, ma che per me sono quasi opposte sono rinuncia e sacrificio. Una rinuncia è, semplicemente, un esercizio della nostra capacità di scegliere, per stare meglio, per concentrarci su altro, per aleggerirci. Un sacrificio è più simile ad un ricatto, si fa per ottenere qualcosa, e ci appesantisce.

E non aleggeriscono o appesantiscono solo noi, ma anche tutti quelli che ci circondano. La rinuncia, a progetti, persone, sogni, desideri, ci rende più liberi, più sereni, in un mondo che ci vuole sempre stressati e pieni di pensieri, cose, preoccupazioni, colpe… La rinuncia ci rende liberi, e ci permette di concentrarci meglio in quel che rimane, e di capire a cosa vale la pena veramente.

Il sacrificio, invece, è una modalità di rinuncia speciale, per ottenere qualcosa in cambio. Non è una vera rinuncia, è più un ricatto nei confronti di qualcun’altro, che sia una persona concreta, quando le madri si sacrificano per i loro figli; un gruppo, quando si sacrifica un gruppo per il bene di un’altro, come quando si sacrificano pochi per salvare tanti, o persino Dio, quando si fanno sacrifici per ottenere qualcosa per noi o per altri.

Nei sacrifici, come dicevo, non c’è una vera rinuncia, ma piuttosto un passaggio di responsabilità. Quando io “sacrifico la mia vita perchè tu possa essere felice”, se poi tu non sei felice, tu stai facendo che il mio sacrificio sia inutile. Invece di avere io la responsabilità della mia felicità, la passo a te, senza nemmeno chiederti se sei d’accordo. Con la conseguenza che, tra l’altro, la persona per cui ci sacrifichiamo si sente anche in colpa se non riesce a “ricambiare”.

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

normale manutenzione

Come dicevamo la settimana scorsa, di nuovo è arrivato dicembre, momento di regali di Natale e anche di bilanci. Mi sembra una sana abitudine (non tutto è da buttare nel solito modo di fare) quella di approfittare di questo mese per fare dei bilanci. Delle cose che abbiamo, delle cose che volevamo, delle cose che abbiamo raggiunto o perso, di quelle a cui abbiamo rinunciato.

uscire dal bozzolo

Dicono che un giorno, apparve un piccolo buco in una crisalide e un uomo gentile ed educato, che passava di lì per caso, si fermò ad osservare la farfalla che, per varie ore, si sforzava per uscire da quel piccolo buco, ma era troppo piccolo, faceva troppa fatica,...

Fai Spazio nella Tua Vita (2016)

Oggi voglio parlare di un libro di cui mi sono innamorata tante volte che ho perso il conto. L’autore è Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica applicata al business, e il libro si chiama La parola magica. L’ho comprato per caso ma… mentre lo leggevo, con una amica l’ho definito un corso di pnl e communicazione efficace travestito di romanzo, tra l’altro con una tematica e personaggi affascinanti.

L’amore ha due facce (1996)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film italiano, con Raoul Bova e Luca Argentero, e, scusate se non ricordo nessun’altro nome, ma per me con quei due basta e avanza… Fratelli unici. Una commedia romantica di quelle che piacciono a me, con il suo spazio per riflettere, sull’amore, sulla memoria, sul perdono, e sulle seconde opportunità…