rinunce e sacrifici

Altre parole che si confondono spesso, come se fossero la stessa cosa, con piccole connotazioni, ma che per me sono quasi opposte sono rinuncia e sacrificio. Una rinuncia è, semplicemente, un esercizio della nostra capacità di scegliere, per stare meglio, per concentrarci su altro, per aleggerirci. Un sacrificio è più simile ad un ricatto, si fa per ottenere qualcosa, e ci appesantisce.

E non aleggeriscono o appesantiscono solo noi, ma anche tutti quelli che ci circondano. La rinuncia, a progetti, persone, sogni, desideri, ci rende più liberi, più sereni, in un mondo che ci vuole sempre stressati e pieni di pensieri, cose, preoccupazioni, colpe… La rinuncia ci rende liberi, e ci permette di concentrarci meglio in quel che rimane, e di capire a cosa vale la pena veramente.

Il sacrificio, invece, è una modalità di rinuncia speciale, per ottenere qualcosa in cambio. Non è una vera rinuncia, è più un ricatto nei confronti di qualcun’altro, che sia una persona concreta, quando le madri si sacrificano per i loro figli; un gruppo, quando si sacrifica un gruppo per il bene di un’altro, come quando si sacrificano pochi per salvare tanti, o persino Dio, quando si fanno sacrifici per ottenere qualcosa per noi o per altri.

Nei sacrifici, come dicevo, non c’è una vera rinuncia, ma piuttosto un passaggio di responsabilità. Quando io “sacrifico la mia vita perchè tu possa essere felice”, se poi tu non sei felice, tu stai facendo che il mio sacrificio sia inutile. Invece di avere io la responsabilità della mia felicità, la passo a te, senza nemmeno chiederti se sei d’accordo. Con la conseguenza che, tra l’altro, la persona per cui ci sacrifichiamo si sente anche in colpa se non riesce a “ricambiare”.

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.