rimandare e procrastinare

Questa settimana, con calma perchè era l’ultimo incontro prima delle vacanze, abbiamo continuato a parlare delle cose che non riusciamo a fare, questa volta analizzando le cose che “decidiamo” di non fare, di rimandare, o che continuiamo a procrastinare con un maggiore o minore grado di consapevolezza. Abbiamo parlato di come aumentare questa consapevolezza e su come sfruttare queste conoscenze per diventare più funzionali nella nostra vita.

Ci sono cosse che on riusciamo a fare ora, ma ci autoconvinciamo che le faremo in un’altro momento, più avanti, le rimandiamo a data certa o da definirsi, anche se in realtà spesso sappiamo che arrivata la data le rimanderemo di nuovo. Questo è quello che chiamiamo procrastinare, portare le attività, le discussioni, le cose che sappiamo di dover fare logicamente, ad un futuro incerto che speriamo non arrivi mai.

Infatti, spesso la procrastinazione diventa deleteria, perchè ci convinciamo di stare pensando prima di agire, e che questo sia funzionale perchè vuol dire che ci stiamo preparando; ma in realtà stiamo pensando troppo e male, per evitare di affrontare veramente una situazione, una persona, un impegno…

Sotto, sotto, normalmente c’è una paura, paura di non riuscire a fare l’attività di cui stiamo parlando, o almeno di non riuscire a fare come vorremmo; paura delle conseguenze di quell’attività, delle attività successive che questa genererà, o anche semplicemente paura di prendere decisioni sbagliate e delle conseguenze di queste decisioni.

Appunto, le scuse sono uno degli elementi chiave nella procrastinazione. Creare, trovare e usare scuse per giustificare le cose che non vogliamo fare è una delle maggiori perdite di tempo ed energia che l’uomo abbia inventato nella sua esistenza.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.