Revolver (2005)

Questa settimana voglio parlarvi di nuovo di un film introspettivo e un po’ psichedelico, Revolver, diretto magistralmente da Guy Ritchie e protagonizzato strepitosamente da Jason Statham e Ray Liotta, racconta una storia di gangsters e giocatori che cercano di capire di chi possono fidarsi o meno.

<<Se c’è una cosa che ho imparato negli ultimi sette anni è che in ogni partita, in ogni truffa, ci sono sempre un avversario e una vittima. Il trucco è di sapere quando sei la vittima per poter diventare tu l’avversario>>

Un film assurdo, violento e suggestivo per analizzare i giochi di cui tutti siamo in balia, i giochi che si tengono nella nostra testa e fuori di essa, le voci (contrastanti) che possiamo ascoltare e capire di quali fidarci o meno per vincere la partita.

Pieno di riferimenti a libri e autori classici, dalla Bibbia a Chopra, e ai punti in comune di tante religioni e filosofie come il Zen. Parla di un nemico interno che si nasconde dietro il nostro dolore, allontanandoci da tutti.

Equipara l’EGO al diavolo che separa e fa credere che sono gli altri i nemici, rileggendo le loro parole e pretendendo di essere l’unico dalla nostra parte, l’unica nostra “vera” voce, la nostra unica e vera intuizione.

L’avete visto? vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aladin (2019)

Aladin (2019)

Quest’anno, uno dei film che ho aspettato con ansia è stato: Aladin, con Will Smith nel ruolo di genio. Credo sia una di quelle storie che ogni tanto vanno riviste, raccontate di nuovo, con occhi diversi che noteranno dettagli diversi.

meglio e di più

meglio e di più

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di confronti, di ranking, di cos’è meglio e cos’è peggio, ma soprattutto ci chiederemo da dove arrivano queste informazioni, e vedremo, quando abbiamo informazioni contrastanti, il metodo migliore per scegliere a chi credere.

sovrascrivere

sovrascrivere

Spesso diciamo che la scuola è cambiata molto meno di quanto sia cambiato il resto del mondo, che è ancora una fabbrica di operai in un mondo in cui servirebbero più liberi pensatori, creativi, organizzatori e lavoratori in squadra.

vincere

vincere

Dicono che c’era un tempo, molto tempo fa, in cui l’amore e la paura lottavano per i cuori degli uomini. L’amore era molto più forte e la paura stava per essere sconfitta quando ebbe l’idea più terrificante di tutte e stravolse il mondo.