raccontarti meglio

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, continueremo a fare il discorso su come ci raccontiamo, sul potere inmenso che abbiamo per definire la nostra vita scegliendo le parole che usiamo per raccontarla, e vedremo dei piccoli “trucchi” per cambiare cose nell’inmediato.

Se abbiamo iniziato il percorso di “autodefinizione” con i nostri pregi e diffetti (o aree di miglioramento, per il nuovo paradigma), in questo secondo incontro continueremo con il binomio bisogni e desideri. Parleremo anche di Felix che ci ha insegnato a desiderare e a non arrenderci quando abbiamo un desiderio per difficile che possa sembrare.

Vedremo come fare le domande giuste, quelle che aiutano veramente a scoprire quel che c’è in profondità e che ci trascina, spesso contro la nostra volontà. E le useremo per capire cosa vogliamo fare, cosa non vogliamo fare, cosa possiamo fare e cosa non possiamo fare.

Parleremo anche di piacere. Di quanto ci piace il mondo così com’è e di cosa possiamo fare per cambiarlo, nel nostro piccolo, anche subito, anche se poco a poco, perchè in fondo il realismo è uno dei nostri punti di forza.

E quando dico il mondo mi riferisco a tutto il mondo con cui abbiamo a che fare, alle persone che ci circondano, a noi stessi, a quelli che sono lontano ma riescono ad essere presenti nei nostri pensieri, perchè sono le parole con cui popoliamo quei pensieri che fanno il nostro mondo, e possiamo cambiarle.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…