questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto che in un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

 Abbiamo visto come spesso cerchiamo di fare troppo, in troppo poco tempo, mancando, senza accorgerci di responsabilità, di realismo e, soprattutto di consapevolezza, per poter essere coerenti e sentirci più forti.

Partendo dalle definizioni e dalle valutazioni che ci eravamo dati per ogni aspetto della nostra vita lavorando sulla ruota della vita, abbiamo parlato:

  • da una parte dai valori che ci hanno portato a sceglierli, e le priorità che diamo ad ogni valore in caso di conflitto, perchè la complessità della vita crea sempre dei conflitti;
  • e dall’altra della veridicità, oggettività e imparzialità del nostro racconto.

Perchè è importante capire quanto siano nostre queste valutazioni e questi concetti e quanto siano stati condizionati dal nostro ambiente, dalla nostra cultura, dalla nostra famiglia, i nostri amici, ecc.

Perchè, se non lo sono, ci sarà sempre una parte di noi infelice e insoddisfatta, frustrata e indolente che ci metterà i bastoni fra le ruote.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.

acqua e sale

acqua e sale

Dicono che c’era una volta un anziano maestro stanco dei costanti dubbi e delle lamentele di uno dei suoi discepoli. Vedeva solo il lato negativo delle cose e si rifiutava di ascoltare nulla che non fosse quello che sperava di sentire.