qualche risultato raggiunto

Viviamo in una società spesso finta e ipocrita in cui parlare “bene” di se stessi viene spesso visto male, perchè manca di modestia… L’opposto della modestia è la vanità. Ma c’è uno spazio gigante in mezzo in cui uno può parlare di se stesso, senza esagerare nè per eccesso nè per diffetto. Ed è in quello spazio in cui voglio raccontarvi di alcuni miei “obbiettivi raggiunti”, cose che ho costruito cambiando paradigma e atteggiamento, e che, sicuramente non sono “solo” merito mio, ma che senza il mio cambiamento non sarebbero state possibili.

  • in famiglia, ho dei rapporti di amicizia e collaborazione con il mio ex-marito, i miei genitori, mio fratello… senza pretendere niente da loro e senza lasciare che mi condizioni o mi infastidisca quando loro pretendono qualcosa da me. Posso parlare con loro come fossero delle persone appena conosciute (senza un passato da rinfacciare) ma con tutto l’amore che sento per loro e che mi porta a cercare di offrire loro aiuto. Anche se non me la prendo perchè non lo accettano, non seguono i suggerimenti richiesti, non fanno quello che dicono. Ho capito che quando uno non da il massimo è perchè non può e non perchè non voglia
  • al lavoro, ho degli ottimi rapporti con la maggior parte dei miei (attuali e passati) datori di lavoro, colleghi, clienti, allievi, do sempre a tutti quello che più manca loro, fiducia, flessibilità, gentilezza e gratitudine. In poche parole, la possibilità di dare il meglio di se stessi senza pretendere nulla da loro. Non dico che siamo amici per la pelle, ma sono sicura che quando mi vedono arrivare non pensano a come diffendersi da me e mi ascoltano con curiosità, perchè sanno che non nascondo nulla. C’è sempre qualche eccezione alla regola, gente alla quale questo non basta. Ma sono spariti dalla mia vita, quando hanno visto che non stavo ai loro giochi.
  • con gli amici, ho degli ottimi amici, alcuni li vedo più spesso, altri meno, ma tutti sanno di poter contare su di me se hanno bisogno. Senza giudizio, senza consigli non richiesti, senza critiche, ho sempre più domande che risposte perchè so di non avere mai abbastanza informazioni per capire cos’è meglio per nessuno. Ma ho la capacità di cambiare prospettiva in maniera dinamica e ad ogni cambiamento di prospettiva sorgono domande nuove.
  • con me stessa, sono sempre alla ricerca, di me stessa, della me migliore, quella più serena e più concentrata, quella più evoluta e che riesce ad aiutare meglio se stessa, gli altri e il mondo. Ma anche la più consapevole, la più compassionevole, e la più amorevole, nei confronti degli altri e (soprattutto, a volte la parte più difficile), di me stessa.

Con questo non voglio dire che mi sento apposto, che non ho nulla da migliorare o che sono meglio di nessun’altro… solo che ho sviluppato queste mie potenzialità e che, così come continuo ad allenare queste ed altre… posso aiutare altri a farlo.

1 Comment

  1. Katiuscia

    Ho fatto diverse sessioni di coaching con Amor nel corso degli anni, che hanno riguardato diverse sfere della mia vita, personale e professionale. Ne sono sempre uscita con nuove consapevolezze, una visione più chiara delle situazioni e una mente più lucida per prendere decisioni al tempo stesso sentite ed efficaci. Soprattutto, ne sono sempre uscita col cuore sollevato. Grazie Amor, Tu sai quanto questo grazie sia sentito!

    Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

formazione scolastica

Se vi chiedete cosa ho studiato per poter aiutarvi con dei problemi di relazioni, o a ottimizzare la vostra vita, vi posso dire che ho studiato (e continuo a studiare) in due tipi di scuola, quella sui banchi e quella della vita. Qua un piccolo riassunto dei corsi che ho seguito nei diversi ambiti… dall’economia e le scienze manageriali, alla psicologia, la bioneuroemoción, o la PNL.

formazione non scolastica

er quanto riguarda la scuola della vita, spesso penso al testo di Coelho "Le cose che ho imparato nella vita", anche se io la racconto un po' diversamente: mi sono specializzata in pazienza, chi l'avrebbe detto!, mia madre spesso mi guarda stranita...

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.