Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Infatti, parla di psicotrappole come quelle situazioni in cui si tende a reiteriare i comportamenti che sono stati utili senza chiedersi se la situazione sia cambiata. Quando cadiamo nella psicotrappola ci risulta più facile aumentare lo sforzo che osservare la situazione da un altro punto di vista. Ed è proprio questo che propone come psicosoluzioni, quello che noi normalmente chiamiamo compensare...

Ci sono le psicotrappole del pensare, come l’inganno delle aspettative, l’illusione della conoscenza definitiva, il mito del ragionamento perfetto, la fede nel <<sentire>>, il pensiero positivo, la coerenza ad ogni costo o la tendenza a sopravalutare o sottovalutare.

Poi ci sono le psicotrappole dell’agire, come l’insistere, il rinunciare o arrendersi, la mania del controllo, l’evitamento e il rimandare, l’aiuto che danneggia e il difendersi preventivamente, e persino il socializzare tutto.

Per finire, Nardone ci riassume alcune combinazioni di queste psicotrappole legate ad altrettanti comportamenti psicopatologici, come le fobie, le ossessioni, la paranoia, l’ipocondria, la depressione, la bulimia e il bing eating…

Chiaramente tutti questi sono comportamenti normali, diventano psicotrappole solo quando vengono usati senza attenzione alle situazioni e ai risultati, sempre.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

Gli errori delle donne (2010)

Gli errori delle donne (2010)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un di Giorgio Nardone, un manuale breve e semplice chiamato Gli errori delle donne (in amore). In questo libro non parla di disturbi psichici e comportamentali ma di copioni psicoemotivi che le donne mettono in atto nelle relazioni amorose.
Brazil (1985)

Brazil (1985)

Oggi sono di nuovo tornata indietro nel tempo per rivedere Brazil, di Terry Gilliam, con un Robert De Niro fantastico anche se in un ruolo non protagonista, e Jonathan Pryce e Kim Greist, nei panni di una copia tutto tranne che convenzionale.
amare o non amare

amare o non amare

Molte persone decidono di smettere di amare, dopo delle serie più o meno lunghe di frustrazioni e di rapporti che non sono andati come speravano. Dimenticano che rinunciare ad amare è come rinunciare a respirare, a mangiare o a bere.
vivere al limite

vivere al limite

Ci sono persone che dicono di vivere al limite perchè vivono al di là di quello che fanno gli altri, di quello che si aspetta da loro, di quello che sono le convenzioni. Secondo me, in realtà, tutti viviamo al limite. Quelle persone soltanto lo pongono in una posizione diversa, ma tutti viviamo al nostro limite.