pianificare all’indietro

Normalmente tutti pianifichiamo in avanti. Partendo da dove ci troviamo, immaginiamo i passi da dare per passare dalla nostra situazione a quella in cui vorremmo essere. Ma a volte le possibilità sono troppe o troppo poche e ci blocchiamo.

In questi giorni, con tutto questo parlare di cambiare la nostra vita, ho pensato spesso alla tecnica dell’intervista. È una tecnica molto semplice e molto pratica, per scoprire i passi da dare per raggiungere un obiettivo, quando uno è perso e non sa bene cosa fare nell’inmediato.

Consiste nell’immaginare di aver già raggiunto l’obiettivo e immaginare di ricordare quel che avevamo fatto per arrivare a quel punto. La modalità è quella di un’intervista con un giornalista che ripercorre con le proprie domande la strada all’indietro, focalizzando sia sulla concretezza che sulle emozioni.

Tipo: come ti senti? che abitudini hai costruito o sviluppato? cosa hai fatto oggi che non avresti potuto fare tempo fa? come mai sei riuscito a farlo? cosa avevi fatto per prepararti?

Immaginiamo di aver vinto un premio, passato un esame, avuto un figlio, pubblicato un libro, o qualsiasi cosa che ognuno di noi voglia… non sono cose che succedono dalla mattina alla sera, non basta desiderarle, ci va un processo, una successione di attività.

È un po’ come quando chiediamo a Google Maps le indicazioni e l’ora a cui dobbiamo partire per arrivare in un certo posto ad una certa ora, invece che a l’ora a cui arriveremo se partiamo adesso.

O come quando pianifichiamo il da farsi prima di prendere un volo. L’orario di partenza del volo è fisso, e da li calcoliamo all’indietro il tempo per l’imbarco, per l’eventuale check-in, per i controlli di sicurezza, per i diversi mezzi di trasporto, ecc.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.

scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.