piacere, comfort e gioia

Ieri sera all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato di cose belle, delle cose che ci danno energie, che ci fanno stare bene. Sempre partendo dalla “ruota della bestia”, per ogni aspetto abbiamo cercato qualcosa di importante, quella cosa per cui ci siamo dati i punti, pochi o tanti che siano…

E, tra le cose che ci piacciono, abbiamo parlato della differenza fra piacere, comfort e gioia, pensando ai loro effetti prima, durante e dopo:

  • le cose che ci danno piacere hanno un piccolo problema, possono darci tanta energia quando le “troviamo” ma possono creare dipendenza e possono lasciarci ancora peggio dopo; normalmente richiedono poco sforzo e poca attesa, sono immediate, ed effimere. Sono distrazioni e divertimenti che ci fanno stare bene un momento e poi ci lasciano l’amaro in bocca della malinconia e della sensazione di mancanza. Ci fanno ridere forte, ma poco;
  • le cose che ci danno comfort possono, invece, essere delle vere e proprie trappole. Crediamo di volere una cosa ma in realtà l’abbiamo solo scelta perchè crediamo di non poter avere quello che vogliamo veramente. Sono anche queste distrazioni, ma, a differenza delle prime n cui il senso di vuoto arriva appena spariscono, queste… ci lasciano una finta sensazione di benessere che spesso non sparisce finchè non la guardiamo in faccia quando ormai è passato del tempo. Ci fanno sorridere senza troppa convinzione;
  • le cose che ci danno gioia e serenità, una felicità duratura, spesso richiedono di essere costruite, hanno scadenze lunghe e combinano il piacere del viaggio con quello delle mete intermedie e della meta finale. Queste, non spariscono, e non arrivano. Vanno costruite, sono il vero obbiettivo della nostra esistenza e ci fanno sorridere da dentro, dal proffondo…

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Fatti il letto (2018)

Un’altro libro piccolo ma interessante è fatti il letto, scritto dall’ammiraglio William Harry Mcraven, in cui raccoglie i punti salienti del suo discorso davanti ai laureandi dell’università del Texas alla cerimonia di consegna dei diplomi. Un discorso pieno di empatia e coraggio, queste pagine hanno il contagioso potere di ispirare il lettore a dare il meglio di sé.

Mia moglie per finta (2011)

Oggi per San Valentino, voglio parlarvi di una fantastica commedia romantica all’ammericana: After Earth, con Adam Sandler , Jennifer Aniston e Nicole Kidman, che sembrano aver fatto un patto col diavolo per sembrare sempre giovanissime e perfette.

coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Abbiamo già parlato di quello che ci manca e di quello che abbiamo, questa settimana lo guarderemo dal punto di vista delle responsabilità, di quello che dipende da noi, per ognuno dei sei aspetti…

fette di salame

Q ualche giorno fa, durante una conversazione con una collega sulla comunicazione, parlavamo delle così dette “fette di salame” che a volte abbiamo quando amiamo o apprezziamo troppo qualcuno e che interferiscono con quello che capiamo di quello che lui o lei dice.