piacere, comfort e gioia

Ieri sera all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato di cose belle, delle cose che ci danno energie, che ci fanno stare bene. Sempre partendo dalla “ruota della bestia”, per ogni aspetto abbiamo cercato qualcosa di importante, quella cosa per cui ci siamo dati i punti, pochi o tanti che siano…

E, tra le cose che ci piacciono, abbiamo parlato della differenza fra piacere, comfort e gioia, pensando ai loro effetti prima, durante e dopo:

  • le cose che ci danno piacere hanno un piccolo problema, possono darci tanta energia quando le “troviamo” ma possono creare dipendenza e possono lasciarci ancora peggio dopo; normalmente richiedono poco sforzo e poca attesa, sono immediate, ed effimere. Sono distrazioni e divertimenti che ci fanno stare bene un momento e poi ci lasciano l’amaro in bocca della malinconia e della sensazione di mancanza. Ci fanno ridere forte, ma poco;
  • le cose che ci danno comfort possono, invece, essere delle vere e proprie trappole. Crediamo di volere una cosa ma in realtà l’abbiamo solo scelta perchè crediamo di non poter avere quello che vogliamo veramente. Sono anche queste distrazioni, ma, a differenza delle prime n cui il senso di vuoto arriva appena spariscono, queste… ci lasciano una finta sensazione di benessere che spesso non sparisce finchè non la guardiamo in faccia quando ormai è passato del tempo. Ci fanno sorridere senza troppa convinzione;
  • le cose che ci danno gioia e serenità, una felicità duratura, spesso richiedono di essere costruite, hanno scadenze lunghe e combinano il piacere del viaggio con quello delle mete intermedie e della meta finale. Queste, non spariscono, e non arrivano. Vanno costruite, sono il vero obbiettivo della nostra esistenza e ci fanno sorridere da dentro, dal proffondo…

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Yuli (2018)

Questa settimana, voglio parlarvi di un film cubano, Yuli, con il grandioso Carlos Acosta, basato libro autobiografico del ballerino, No Way Home. Il film racconta la vita e la passione di questo grandissimo danzatore che è stato paragonati a Mikhail Barysnikov e Rudolf Nureyev…

ricrescere senza paura

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di come nella nostra società siamo abituati a vivere nella paura ma possiamo sempre decidere di ricrescere nell’amore. Possiamo sempre renderci conto di quando emozioni come la paura ci stanno salvando o stanno fermando la nostra evoluzione.

scintille e fiamme

Parlando di emozioni, mi piace pensare che hanno una doppia causa, dal momento che sono delle reazioni che vengono da dentro ma lo fanno in risposta a situazioni che succedono sia dentro che fuori di noi.